Home > Cronaca > Riccione. I Trampolines sono in parte abusivi. Così ha sentenziato il Tar

Riccione. I Trampolines sono in parte abusivi. Così ha sentenziato il Tar

Era stato l’attuale sindaco Renata Tosi, dai banchi dell’opposizione nel 2010,  a far partire una inchiesta della magistratura e i controlli da parte dell’amministrazione comunale sull’intervento edilizio di ricostruzione del ristorante i Trampolines  e di un albergo a Riccione. Renata Tosi affermava, allora, come le cubature accordate non fossero conformi ai regolamenti dell’Amministrazione Comunale di Riccione. La parte penale si è conclusa con la piena assoluzione, in sede processuale, dal reato di abuso d’ufficio di Guglielmo Zaffagnini ex dirigente all’urbanistica del Comune di Riccione. Rimane aperta la parte amministrativa.

Infatti a seguito degli esposti di Renata Tosi, l’ufficio tecnico comunale procedeva con i controlli al cantiere di costruzione dell’albergo e del ristorante i Trampolines nel 2010. Dalla relazione dei tecnici sono state rilevate numerose irregolarità.

In particolare:

  1. esubero del volume di progetto pari a mc. 756,19 determinato dall’applicazione dell’indice fondiario (5 mc/mq.) sull’intera superficie del lotto di proprietà anziché sulla superficie del lotto di proprietà ;
  2. mancato rispetto delle distanze minime dai confini.
  3. non soddisfacimento degli standard dei parcheggi privati (mancano 20 posti auto);
  4. Sono rilevate altre irregolarità che riguardano alcuni parametri di costruzione, l’occupazione di un’area pubblica, la mancata piantumazione di nuovi alberi.

A fronte di queste irregolarità l’amministrazione comunale di Riccione decise di non sospendere il titolo edilizio. Contro questa decisione ha fatto ricorso il proprietario di un villino adiacente ai Trampolines.

Il Tar con una sentenza del 2016 ha annullato il provvedimento del Comune di non procedere alla revoca del titolo edilizio. Sentenza passata in giudicato.

Il Comune di Riccione prendeva atto della  sentenza e successivamente ad un riesame di tutta la vicenda, anche alla luce dei rilievi operati dal giudice amministrativo, riteneva di dover procedere all’annullamento del titolo edificatorio nel 2017.

Contro il provvedimento del Comune di Riccione la società Trampolines ha fatto ricorso al Tar.

I giudici amministrativi hanno rigettato il ricorso. La sentenza è stata pubblicata il 1 marzo 2019. Ora la pratica ritorna nelle mani del Comune di Riccione che dovrà decidere come procedere.

Si tratta di una sentenza di primo grado contro la quale è possibile fare appello in Consiglio di Stato. Il Comune di Riccione dovrà valutare nelle more del procedimento amministrativo, se revocare il titolo edilizio ordinando il ripristino dei luoghi e sospendere la licenza di pubblico esercizio del ristorante oppure attendere il ricorso al Consiglio di Stato.

Il testo della sentenza del Tar

Scroll Up