Home > Ultima ora welfare > Rimini, affitti: avviso pubblico per contributi morosità incolpevole

Rimini, affitti: avviso pubblico per contributi morosità incolpevole

È stato approvato ieri, martedì 24 maggio, dalla squadra della Giunta, l’avviso pubblico con i criteri e le modalità di concessione dei contributi ai cittadini residenti nel Comune di Rimini affittuari di alloggi e in condizione di morosità incolpevole nel pagamento del canone di locazione dell’anno 2022.

Risorse importanti, finalizzate ad aiutare chi, per molteplici ragioni, non ha le possibilità economiche per sostenere l’affitto a causa della perdita totale o di una riduzione della capacità reddituale del nucleo familiare. Uno stato di grave difficoltà che può essere dovuto a diverse ragioni, come, ad esempio, un licenziamento, la messa in cassa integrazione ordinaria o straordinaria, la riduzione dell’orario di lavoro, la cessazione dell’attività libero-professionale o di una impresa, il mancato rinnovo di contratti a termine, l’insorgere di una malattia grave, un infortunio o il decesso di un componente della famiglia. La misura sarà utilizzata per la copertura totale o parziale dei non pagamenti pregressi, sotto forma di versamento del deposito cauzionale per la stipula di un nuovo contratto di locazione, o, ancora, per il pagamento del canone di locazione relativo al nuovo contratto.

Possono presentare domanda coloro che hanno un reddito ISEE non superiore ai 26 mila euro e che sono residenti nel Comune di Rimini sono in possesso di cittadinanza italiana o di un Paese dell’UE o, nei casi di cittadini non europei, si trovano in possesso di un regolare titolo di soggiorno.

L’inquilino in possesso dei requisiti di morosità incolpevole e in pendenza di un procedimento di intimazione di sfratto, per il quale non sia ancora intervenuto il provvedimento di convalida o la citazione in tribunale per sfratto, potrà richiedere un contributo fino a un massimo di € 8.000,00 utile a sanare la morosità accumulata nei confronti del proprietario. La persona in possesso dei requisiti di morosità incolpevole nei confronti del quale lo sfratto sia già stato convalidato, con fissazione del termine per il rilascio, ma non ancora eseguito, potrà invece richiedere un contributo ai fini del ristoro del proprietario dell’alloggio che dimostri la disponibilità a consentire il differimento dell’esecuzione del provvedimento di rilascio dell’immobile. Le risorse verranno erogate al proprietario, in presenza di accordo scritto tra le parti per il differimento dell’esecuzione, a parziale estinzione dei crediti, in misura pari al numero di mensilità oggetto del differimento maggiorato del 20%, fino a un massimo di 6.000 euro. C’è poi la situazione in cui l’individuo deve pagare il deposito cauzionale per la sottoscrizione di un nuovo contratto di locazione sul medesimo alloggio oggetto dello sfratto o altra soluzione abitativa reperita nel mercato privato della locazione. Qui si tratta di un massimo di tre mensilità a favore dell’inquilino conduttore. Nel caso di necessità di un sostegno per la sottoscrizione di un nuovo contratto a canone concordato sul medesimo alloggio oggetto dello sfratto o altra soluzione abitativa reperita nel mercato privato della locazione deve essere assicurato un versamento di un massimo di n. 12 mensilità con un importo massimo di 12 mila euro.

Sarà possibile fare domanda entro il 31 dicembre 2022. I moduli di domanda sono scaricabili sul sito Internet del Comune di Rimini al seguente indirizzo: https://www.comune.rimini.it/servizi/salute-benessere-e-assistenza/fondoinquilini-morosi-incolpevoli

“Parliamo di un sostegno sacrosanto, rivolto alle persone che, in questo momento o da più tempo, stanno attraversando delle fasi non semplici a livello economico e che dunque hanno bisogno di una risposta concreta da parte del pubblico, perché non rischino di ritrovarsi da un giorno all’altro senza una casa dove vivere – spiega l’Assessore alla Protezione sociale del Comune di Rimini Kristian Gianfreda -. L’autonomia e l’indipendenza delle persone passano dalla possibilità di stare in un’abitazione, di avere un tetto a disposizione, il quale rappresenta il primo tassello per riprendere in mano la propria vita e per agganciare il trend occupazionale. Come amministrazione comunale, con il via libera di ieri da parte della Giunta, mettiamo in campo queste risorse per poter dare una risposta pronta e tempestiva a chi ha necessità, ben consapevoli che il fattore tempo è sempre determinante nelle situazioni di difficoltà. Al sostegno per la morosità incolpevole si aggiungono anche le altre azioni che stiamo portando avanti, come ad esempio il progetto in mano al Distretto socio sanitario di Rimini Nord dell’Albergo sociale. Tutti pezzi di un puzzle più grande che ha lo scopo di venire incontro alle esigenze dei cittadini economicamente più vulnerabili, a cui è doveroso stare accanto”.

Ultimi Articoli

Scroll Up