Home > Cronaca > Rimini agressione a gioiellierie. Si costituisce il rapinatore. E’ un libero professionista

Rimini agressione a gioiellierie. Si costituisce il rapinatore. E’ un libero professionista

Si è costituito il rapinatore ricercato dalla polizia di Stato per l’aggressione con martello del gioielliere di viale Vespucci avvenuta giovedì mattina a Rimini.

L’uomo, residente a Rimini, libero professionista di 43 anni, si è presentato in Questura a Modena, sua città d’origine, accompagnato dall’avvocato difensore Roberto Chiossi ed è stato interrogato dagli agenti della Squadra Mobile di Rimini.

Il 43enne avrebbe ammesso solo la rapina in cui ha aggredito il gioielliere con un martello, indossando una maschera di scena in silicone, dicendo appunto di aver comprato il costume cinematografico. Non ha invece ammesso altri colpi dei quali lo sospettano gli investigatori della Polizia riminese.

L’insospettabile professionista di 43 anni, riminese d’adozione per aver sposato una ragazza di Rimini, per più di quattro ore, ha spiegato agli agenti della squadra mobile, giunti direttamente da Rimini, il perchè di quel colpo, non andato a segno, alla gioielleria di Marchini. “Ho grandi difficoltà economiche, ha ammesso”.

Da mesi il professionista, di ottima famiglia, che abita in centro storico con moglie e due figli, navigava in cattive acque. Gli affari non gli andavano più bene e le entrate non bastavano a far fronte alle esigenze familiari. Da qui la scelta di saltare il fosso e trasformarsi in un rapinatore.

Il professionista dopo l’interrogatorio è stato rilasciato e denunciato a piede libero.

Ansa

Ultimi Articoli

Scroll Up