Home > Eventi Cultura e Spettacoli > Rimini, al Cinema Tiberio documentario di Teo De Luigi per “L’Africa in noi”

Rimini, al Cinema Tiberio documentario di Teo De Luigi per “L’Africa in noi”

Dopo la lezione magistrale di Anna Maria Medici, che ci ha offerto una visione globale e inedita del fenomeno migratorio e dell’Africa, Confini di terre e di mare, seconda edizione di L’Africa in noi, la rassegna, organizzata da Vite in transito, Istituto storico, Biblioteca Gambalunga Margaret aps, con il contributo di Cinema Tiberio e Coop Cento fiori e in collaborazione del Comune di Rimini, si posta nella sede del Cinema Tiberio, che propone la visione di un docufilm del regista riminese Teo De Luigi “Senza Radici. Noi migranti in un paese chiamato Italia”. Con questo docufilm il regista vuole offrire un contributo alla riflessione sul fenomeno migratorio, I migranti, di solito percepiti come una massa astratta e indistinta sulla quale proiettare paure collettive, sono incontrati come persone con la loro storia. Con la varietà delle storie personali si vuole fornire un quadro, complesso e rappresentativo, dei casi e delle circostanze, che hanno costretto questi uomini e donne ad abbandonare la loro terra e mettere in gioco la vita.

Teo De Luigi ci propone di conoscere i loro volti e ascoltare la loro voce, per rispondere alla domanda: sono “intrusi”, “risorse” o persone? Teo De Luigi è autore e regista riminese. Dopo aver creduto nella rivoluzione creativa del ‘68., dagli anni ‘80 si è dedicato al reportage, al documentario, ai corti, per raccontare il comportamento umano nella sua epoca. Ha avuto come maestro Sergio Zavoli, col quale ha collaborato per 14 anni. Nel mentre ha esplorato con film-doc i più diversi contesti sociali, dalle inquietudini giovanili nelle città metropolitane, alla solidarietà dei volontari, al Cottolengo di Torino, dai comportamenti estremi nei riti religiosi del sud, alle pagine storiche della resistenza nei racconti di Nuto Revelli e Giorgio Bocca, dalle contraddizioni sollevate nel ‘68 e nel ‘78, raccontate da Adriano Sofri e Julio Velasco, alle imprese sportive che segnano la fine del ‘900. Nel nuovo secolo si avvicina al mondo dell’arte, grazie all’amicizia col grande pittore bolognese Wolfango (Peretti-Poggi) e ai due grandi temi contemporanei: la drastica riduzione del lavoro in fabbrica e il recente processo migratorio come evento umano nazionale e internazionale.

Ultimi Articoli

Scroll Up