Home > Ultima ora Attualità > Rimini, Cagnoni: “Non dovrebbe mai morire nessuno ma Tete meno ancora degli altri”

Rimini, Cagnoni: “Non dovrebbe mai morire nessuno ma Tete meno ancora degli altri”

Una testimonianza di Lorenzo Cagnoni, Presidente Italian Exhibition Group, su Tete Venturini:

Tete al suo primo Consiglio d’Amministrazione in Fiera portava un papillon, non ci conoscevamo personalmente e non sapevo se fosse per abitudine. Oggi so che era il suo modo ironico e sincero di dirci che “saliva a bordo” e ci saliva convinto. 

E’ andata proprio così, la Fiera ha potuto sempre contare su di lui, mai un confronto sopra le righe nonostante il suo carattere sanguigno.

A me buttò addosso un’amicizia senza riserve, totale e generosa, un’amicizia che travolse il mio temperamento schivo, diventando per me altrettanto forte, intima, diretta. 

Scrivo queste righe di mio pugno, con un’emozione dolorosa e tardo a rintracciare le parole che Tete merita, non mi riesce di pensarlo fuori dalla Darsena e in qualsiasi altro posto ora sia andato io credo rimanga lì. 

Non dovrebbe mai morire nessuno ma Tete meno ancora degli altri”. 

Nella foto: Tete Venturini con Federica Panicucci durante una manifestazione, in Fiera a Rimini

 

Scroll Up