Home > Ultima ora Attualità > Rimini, Casa Madiba attrezza corridoio per ospitare due donne sole senza casa

Rimini, Casa Madiba attrezza corridoio per ospitare due donne sole senza casa

Casa Madiba Network nella giornata di ieri ha deciso di affrontare la situazione con i propri mezzi per le centinaia di persone che nella città di Rimini non hanno una casa e non hanno la possibilità di dire #iorestoacasa.

“Le risposte dall’alto non arrivano, il basso si organizza! – spiegano – Il corridoio di Casa Madiba è stato trasformato in una bella cameretta con tutti i comfort e le misure di sicurezza previste per due donne sole e senza casa. Dall’Italia e dal Camerun, due storie di vita totalmente diverse così come diversi sono i motivi che hanno portato queste due donne a trovarsi senza una casa. Dall’inizio dell’emergenza sanitaria abbiamo continuato a monitorare la loro situazione e a supportarle, adottando anche per loro il protocollo per gli abitanti di Casa Don Andrea Gallo Rimini #perlautonomia 2.0″

“Le condizioni climatiche di questi giorni e le mancate risposte ai tanti appelli di queste settimane per l’apertura di un hotel per accogliere le persone senza casa della nostra città ci hanno spinto con forza a dare questa risposta – aggiungono – . Possibile che su 2500 alberghi nessuno sia disponibile? Questa emergenza ci ha mostrato le tante ingiustizie prodotte da un sistema iniquo e profondamente diseguale, un sistema che dalla crisi del 2008 ha tagliato e ridotto pesantemente le risorse non solo per il Welfare e la Sanità, non solo per migliaia di lavoratori e lavoratrici precarie per cui stiamo in tanti e tanti rivendicando un Reddito di quarantena, ma anche per le persone senza casa o quelle in precarietà abitativa che non sanno ora come pagare l’affitto a fine mese”.

“Ma questa situazione ha messo al centro anche le cose che vanno cambiate perché se vogliamo uscire fuori da questa emergenza sanitaria e dalla crisi che verrà non possiamo pensare di farlo da soli e da sole e soprattutto dobbiamo impedire che siano sempre gli/le invisibili, i/le precarie a pagare. Proprio come accaduto invece dieci anni fa!
Questo per dire che come sarà il mondo e la città che abiteremo dopo la fine di questa emergenza dipenderà da tutti e tutte noi. Da quanto saremo disposti a lottare ad esempio rispetto a chi antepone ai bisogni, al diritto alla salute e alla sicurezza di tutti i profitti di pochi, così come ci stanno stanno mostrando Confindustria e soci vari. Noi partiamo da qua per dare il nostro contributo, da due letti e da uno spazio di protezione per due donne. Siamo vicini a tutte le persone che stanno soffrendo ovunque nel mondo e lottando per una vita degna”, conclude Casa Madiba Network.

Casa Madiba ricorda che è attivo il numero per le emergenze  371 4427310 e continua la raccolta fondi per Casa Don Andrea Gallo #perlautonomia!

Questo l’Iban dell’Associazione Rumori Sinistri onlus per le donazioni:
CODICE IBAN
IT68B0327324200000300106272

Scroll Up