Home > Cronaca > Rimini, Club Nautico: Santolini se ne va e sbatte la porta

Rimini, Club Nautico: Santolini se ne va e sbatte la porta

Solo domenica scorsa al Club Nautico di Rimini si era svolta un’assemblea straordinaria per cercare di far tornare il bel tempo fra i soci. Evidentemente non è stato così, visto che oggi arrivano le dimissioni del presidente Santolini e di tutto il Consiglio Direttivo, che furono eletti appena un anno fa in un clima rovente.

Ecco il comunicato di Gianfranco Santolini:

Mercoledì sera, al termine della seduta del Consiglio Direttivo, il Presidente del Club Nautico Rimini, Gianfranco Santolini, il vicepresidente Andrea Musone ed i consiglieri Fabio Po, Sanzio Sammarini e Marco Valcamonici hanno rassegnato le proprie dimissioni.
Un anno di lavoro intenso, l’incremento dei soci e i successi a livello internazionale degli atleti del Club, che si è appena visto assegnare anche la Stella d’oro al merito sportivo del Coni, sono risultati straordinari a beneficio di tutti, anche della nostra Città.
Eppure per qualcuno non sono bastati…

L’autoproclamato comitato “Il Club ai Soci” ha ripreso i propri attacchi, in realtà non sono mai cessati, muovendo i propri associati all’interno del nostro Club Nautico Rimini.

L’incremento degli attacchi e recenti avvisaglie gettano ora una nuova luce sul perdurante conflitto che “Il Club ai Soci” sta infiammando con la Presidenza del CNR ed i consiglieri che la sostengono.
La situazione è diventata insostenibile tanto da determinare la reazione dei soci del Club Nautico che nell’assemblea di domenica scorsa hanno chiesto alla Presidenza del CNR, praticamente  quasi all’unanimità dei presenti, di denunciare i fatti alla Federazione Italiana Vela (FIV) ed alle commissioni disciplinari interne.
Le intromissioni del concorrente autoproclamato “Il Club ai Soci” sono ormai arrivate anche a  pretendere di conoscere la quota che versano annualmente al CNR i soci titolari dei posti barca lungo il canale; la richiesta porta la firma di due soci dissidenti uno dei quali riveste attualmente un ruolo di primo piano all’interno di Marina di Rimini.
Matura quindi la persuasione che la reale posta in gioco sia non solo la sopraffazione dell’attuale Consiglio Direttivo presieduto da Santolini, ma lo stesso Club Nautico Rimini a vantaggio di un altro “sodalizio” con diversi obiettivi ed interessi.
In tale situazione il Presidente Gianfranco Santolini, il vicepresidente Andrea Musone e i consiglieri Fabio Po, Sanzio Sammarini e Marco Valcamonici, coerentemente con il senso di responsabilità cui hanno sempre improntato la loro amministrazione, hanno ritenuto che fosse doveroso risparmiare al Club Nautico Rimini lo stillicidio di un’ostinata conflittualità che, in ogni aspetto della vita sociale, trova sempre nuovi pretesti per alimentarsi, con effetti deleteri per l’intero sodalizio e per i Soci stessi e che mai negli 85 anni di storia del blasonato Club della nostra Città si sono verificati.
Il Presidente e i quattro Consiglieri hanno quindi rassegnato le proprie dimissioni, ritenendo proprio dovere rimettere alla sovrana assemblea dei soci, che sarà presto chiamata a nuove elezioni ai sensi dello statuto vigente, una decisione di tale importanza sul futuro del Club Nautico Rimini, persuasi che solo il recupero di una coralità d’intenti e della serenità della vita sociale possa consentire al sodalizio di svolgere il proprio ruolo nella vita sportiva e culturale della città di Rimini”.

Il Presidente

Gianfranco Santolini

Scroll Up