Home > Ultima ora economia e turismo > Rimini, Commercio: Lombardi e Bounty tra le “Botteghe Storiche”. 26 domande per la No tax area

Rimini, Commercio: Lombardi e Bounty tra le “Botteghe Storiche”. 26 domande per la No tax area

Sono 54 le domande arrivate fino ad oggi all’ufficio attività economiche per entrare a far parte dell’albo delle botteghe storiche, un elenco in continuo aggiornamento che raccoglie quegli esercizi con un’attività che prosegue da almeno cinquant’anni e con un forte radicamento sul territorio. 

Attualmente l’Albo delle botteghe storica conta 18 attività: le ultime due ‘botteghe’ a entrare nell’Albo sono Lombardi di Isabella Magnani (Corso d’Augusto) e Bounty Rimini, (via La Strada), che si aggiungono alle precedenti: Galassi Confezioni in piazza Tre Martiri; Eredi di Balducci Corrado di Balducci Roberto, via Aurelio Saffi; Gioielleria Burnazzi, Corso d’Augusto; Copacabana, via Messina; Shooters Pub, viale Mantova; Lord Nelson Pub, viale Regina Elena; Cappelleria Vitali, via Bertola; Farmacia San Michele  via Circonvallazione Occidentale; Trattoria Delinda, via Marecchiese; Pizzeria del Secolo, via Gambalunga; The Rose & Crown, viale Regina Elena; Red Devil, viale Regina Margherita; The Old Bull & Bush, viale Regina Elena; Elettroforniture Lucchi, via Giordano Bruno; Bar Ilde, via Covignano, Cappelli e C., via Emilia.

Sono oltre 25 i procedimenti già attivati per consentire ad altre attività di iscrivere il proprio nome nell’albo, che non rappresenta solo un riconoscimento ma anche un’opportunità di ottenere qualche sgravio, grazie alle misure contenute nella ‘no tax area’, il pacchetto di provvedimenti voluto dall’amministrazione comunale di Rimini per sostenere il commercio e le attività artigianali. Queste attività storiche infatti possono presentare una domanda per avere un contributo calcolato sulla base della TARI pagata dall’impresa nel corso dell’anno. Un’importante agevolazione economica a cui si aggiunge anche la soppressione del diritto di segreteria previsto per l’iscrizione, che ammontava a 150 euro, disposizione, approvata da una delibera di Giunta lo scorso aprile,  che riconduce l’iscrizione nell’Albo delle Botteghe Storiche, all’unico costo dell’imposta di bollo nella misura di 16 euro. 

 

L’attenzione alle botteghe storiche è una delle finalità perseguite dalla no tax area. La prima riguarda le start up di impresa e il sostegno della fase di avviamento di imprese di nuova costituzione o di nuovo insediamento che contribuiscono alla valorizzazione del Centro Storico e dei Borghi, alla promozione dello sviluppo occupazionale e dell’imprenditoria giovanile nel territorio comunale. Le domande di contributo ricevute per questo asset sono state 14. La seconda finalità interessa “negozi aperti, vetrine illuminate” e mira al contenimento dei canoni di affitto di locali a destinazione commerciale o produttiva aperti al pubblico, attraverso agevolazioni per i proprietari degli immobili. Su questo fronte le domande sono state 12 per la rinegoziazione degli affitti e per utilizzo temporaneo locali sfitti.

Scroll Up