Home > Ultima ora cronaca > Rimini, con mezz’etto di cocaina in tasca ferisce agente scagliandogli la bicicletta

Rimini, con mezz’etto di cocaina in tasca ferisce agente scagliandogli la bicicletta

Se ne va in bici con quasi mezz’etto di cocaina e quando viene fermato dagli agenti scaraventa il veicolo addosso a uno di loro, ferendolo. Ma non è bastato salvare dall’arresto M.G., albanese di 23 anni, regolare sul territorio italiano. Inseguito dallo stesso poliziotto ferito e assieme ai colleghi, è stato ben presto preso e portato nella Questura di Rimini.

E’ accaduto ieri intorno alle 16 a Marebello, quando una pattuglia in auto civetta si è insospettita per l’atteggiamento di un giovane che stava pedalando contromano in viale Mantova. Gli agenti hanno deciso di seguirlo a distanza, mentre si avviava poi per via delle Colonie, finché non lo hanno intercettato all’angolo fra via Perugini e viale Regina Margherita.

Ma il ragazzo si doveva essere accorto che si trattava di forze dell’ordine pur in borghese e sceso dalla sella ha scagliato la bicicletta contro l’agente più vicino dandosi poi alla fuga a piedi. Il poliziotto è rimasto ferito – gli sarà diagnosticata una prognosi di tre giorni – oltre a riportare danni ai propri indumenti e calzature. Ciò nonostante, si è rialzato subito e si è messo all’inseguimento del fuggitivo assieme ai due colleghi.

La fuga è stata di breve durata. Dalla perquisizione, nascosta in una tasca del giubbotto, è saltata fuori una busta per surgelati contenente 47 grammi di cocaina. La droga era distribuita su fogli trasparenti e sigillata con particolare cura, come solitamente fanno gli spacciatori della zona che la nascondono temporaneamente sotto la sabbia. Nel portafogli c’erano 250 euro in contanti.

Il 23 enne è stato condotto in Questura, dove si è rifiutato di consegnare i codici di blocco dei suoi due cellulari. Gli investigatori sono comunque riusciti a identificare le utenze e ora stanno procedendo ai controlli. Il ragazzo aveva anche diversi mazzi di chiavi. Di due non ha voluto fornire spiegazioni e anche su questi le indagini continuano; ma il terzo ha condotto la Polizia nella sua abitazione di via Parisano, presso piazza Marvelli. Dalla perquisizione dell’appartamento non è spuntata droga; però in un armadio, nascosti fra i vestiti, c’erano banconote per 500 euro.

M.G. è stato dichiarato in arresto per detenzione di droga ai fini di spaccio, resistenza e violenza a pubblico ufficiale. L’arresto è stato convalidato questa mattina dal Tribunale di Rimini. Avendo chiesto l’avvocato del giovane i termini a difesa, per l’arrestato è stato disposto l’obbligo di firma in attesa della celebrazione del processo.

Scroll Up