Home > Ultima ora economia e lavoro > Rimini: congresso UIL. Giuseppina Morolli confermata segretaria

Rimini: congresso UIL. Giuseppina Morolli confermata segretaria

Il 27 maggio si è svolto l’XI Congresso della camera sindacale territoriale di Rimini; rimarrà in carica per quattro anni: è stata eletta all’unanimità Giuseppina Morolli con la nuova segreteria costituta da Silvia Casali e Luca Cimatti.

La Segretaria Morolli nella sua relazione introduttiva ribadisce… “che nei due anni della pandemia il sindacato, la UIL, è stato un baluardo in quei momenti di profondo smarrimento;  l’entità delle richieste di aiuto, di assistenza, di tutela, di rappresentanza, raccolte a tutte le ore nei giorni del lockdown rappresenta il senso di cosa significhi dover ripensare, di fronte all’imprevisto, all’inatteso e all’inedito, il nostro porsi al fianco delle persone, dare loro dei riferimenti, offrire un sostegno. E’ anche partendo da queste esigenze e con l’orgoglio di aver tenuto, con ogni mezzo, il filo del contatto con le persone che abbiamo affrontato il percorso congressuale, a dare sostanza ai propositi legati allo slogan della nostra assise: Diritti e Disuguaglianze Colmiamo il vuoto, Protagonista per orientare le scelte.

Nel corso del nostro percorso congressuale è stato interessante e apprezzabile lo sforzo di adattamento della riflessione ai vari contesti. Tutti hanno accettato la sfida di guardare in senso propositivo al futuro impegnandosi ad immaginarlo, disegnarlo, esplorarlo, costruirlo, nel segno della rigenerazione, promuovendo partecipazione e spendendo passione.

Consapevoli come siamo che nei vari modi di porci dell’oggi è incorporata la costruzione del domani.

Il Documento uscito dal Congresso sottolinea la necessità, non più rinviabile di creare nel Paese un circuito virtuoso che sappia rilanciare l’economia complessiva e costruire migliaia e migliaia di posti di lavoro, buoni posti di lavoro a tempo indeterminato.

La UIL ribadisce la necessità generalizzata nel nostro Paese di abbattere ogni forma di corruzione, vero cancro che alimenta la delinquenza organizzata in tanti settori economici e sottrae ingenti risorse alle fasce più deboli della popolazione.

La legalità è un obiettivo primario della UIL da raggiungere in tempi certi con l’apporto e la collaborazione di tutte le forze sane che sono la maggioranza nel nostro Paese, anche nel nostro territorio negli ultimi decenni ci sono state preoccupanti infiltrazioni della delinquenza organizzata che vanno combattute con ogni forza, mai abbassare la guardia.

La nostra contrattazione territoriale,  deve affermare il modello di welfare inclusivo, su cui andranno concentrati ulteriori sforzi e scelte organizzative della Confederazione alla luce del ruolo strategico che essa assume in una congiuntura molto critica come quella attuale. 

La scelta di puntare con  decisione ad un economia della conoscenza, che metta in rete scuola, università, ricerca e formazione professionale è la strategia migliore per rafforzare i settori tradizionalmente trainanti del nostro tessuto economico come il turismo, il manifatturiero, l’artigianato, che, attraverso le nuove tecnologie, la green economy ed i mercati internazionali può conoscere una nuova florida stagione, creando nuovi e buoni posti di lavoro.

La UIL di Rimini chiede un impegno a  tutte le donne e gli uomini della nostra organizzazione a tutti i livelli perché il grave problema della violenza sulle donne venga assunto come una battaglia prioritaria, dobbiamo essere uniti, perché solo così possiamo vincere. 

Il Congresso della CST UIL di Rimini impegna il futuro gruppo dirigente alla ricerca della massima sintesi politica possibile, per garantire la più ampia collegialità ed il più ampio coinvolgimento di tutta la struttura, per vincere le grandi sfide che ci attendono ad iniziare dalla battaglia “Zero morti sul lavoro”; una grande intuizione del Segretario Nazionale Bombardieri che è riuscito a mettere al centro della attenzione generale la piaga dei morti e degli incidenti sul lavoro, che ha raggiunto livelli inaccettabili.

Dobbiamo modificare la nostra società, non può essere il profitto il principale obiettivo da raggiungere per tutte le attività imprenditoriali, è sempre più necessario mettere la persona al centro di ogni iniziativa, di ogni interesse, il suo benessere misura il grado di civiltà di una società moderna, rifuggiamo dal facile guadagno che crea tanti lutti nel nostro Paese.

Il Congresso giudica di straordinaria importanza l’apporto del lavoro svolto dalle  delegate e delegati che, sono la base del grande risultato avuto dalla UIL nelle recenti elezioni delle RSU che ci hanno visto vincere nella UIL FPL e nella UIL SCUOLA.

Solo attraverso la quotidiana, competente ed appassionata azione sindacale di contrattazione e di tutela, siamo riusciti a costruire una costante crescita complessiva della nostra Camera Sindacale Territoriale”.

Ultimi Articoli

Scroll Up