Home > Ultima ora sport > Rimini. Daspo per 30 ultrà riminesi dopo Teramo

Rimini. Daspo per 30 ultrà riminesi dopo Teramo

Sono stati notificati nel fine settimana i 30 provvedimenti firmati dal questore di Teramo nei confronti degli ultrà riminesi identificati dopo gli scontri del 9 febbraio scorso. Per sei dei 30 tifosi biancorossi il Daspo ha una durata di 5 anni con obbligo di presentazione in questura prima e dopo le gare del Rimini, mentre per gli altri 24 il divieto di accedere alle manifestazioni sportive è di un solo anno.

L’episodio, risale allo scorso 9 febbraio, quando alle 17.45 una trentina di ultrà biancorossi decide di fermarsi prima del match al ristorante pizzeria Acquamarina di San Nicolò a Tordino, distante pochi chilometri dallo stadio “Gaetano Bonolis” di Teramo. Pochi minuti prima di ripartire in direzione stadio, i tifosi biancorossi sarebbero rimasti vittime di un agguato da parte di un gruppo di ultrà abruzzesi, avvertito – secondo il racconto di alcuni testimoni – da un’auto vista passare più volte davanti al locale. Così, nel giro di pochi minuti, si scatena una vera e propria guerriglia tra le due fazioni opposte. Sono volate botte da orbi: auto danneggiate, scoppio di petardi, le opposte tifoserie si sono colpite con cinte e catene, aste di bandiera e sedie, seminando il panico e paralizzando il traffico. La maxi rissa ha terrorizzato i passanti, molti dei quali hanno cercato rifugio dentro i negozi e i negozianti stessi si sono chiusi dentro abbassando le saracinesche per evitare conseguenze peggiori. Dopo alcuni minuti di corpo a corpo feroce senza esclusione di colpi, i due gruppi sono stati bloccati dall’intervento delle forze dell’ordine che stavano pattugliando la zona in attesa della partita.

L’attività di identificazione, svolta immediatamente del personale della Digos di Teramo, e con il supporto della Polizia Scientifica, grazie anche alle videoriprese delle telecamere di sorveglianza, aveva poi portato all’individuazione di 10 tifosi teramani e 30 riminesi. Che ieri sono stati convocati in questura a Rimini per la notifica del provvedimento..

Scroll Up