Home > Sport > Rimini FC: punto d’oro a Fano. Scotti para un rigore. 5 espulsioni in 5 partite

Rimini FC: punto d’oro a Fano. Scotti para un rigore. 5 espulsioni in 5 partite

Fano – Rimini 0-0

 

Fano:

Viscovo, Tofanari, Di Sabatino, Gatti, De Vito, Carpani (72° Said), Sapone (46° Marino), Parlati, Sarli (46° Kanis), Barbuti (66° Di Francesco), Baldini.

In panchina: Venditti, Fasolino; Beduschi, Diop, Ricciardi, Boccioletti; Marino, Paolini, Said; Kanis, Di Francesco, Gjuci.

Allenatore: Gaetano Fontana.

 

Rimini:

Scotti, Scappi, Ferrani, Oliana (69° Picascia), Nava, Cigliano (58° Arlotti), Palma, Montanari, Silvestro (76° Mancini), Zamparo, Gerardi (69° Ventola).

In panchina: 

Sala, Santopadre; Finizio, Messina, Picascia; Mancini, Lionetti, Pari; Arlotti, Petrovic, Ventola, Bellante.

Allenatore: Renato Cioffi.

 

Arbitro:

Pashuku di Albano Laziale

Guardalinee: Rinaldi e Yoshikawa di Roma.

Reti:

Ammoniti: Silvestro, Palma

Espulsioni: Zamparo

 

Trasferta delicata, quella di oggi, a Fano, per la squadra allenata da Renato Cioffi.

E’ necessario fare punti – lo ha ricordato anche il mister in conferenza stampa – per ridare vigore ad una classifica che vede la formazione riminese al terz’ultimo posto, nel girone, alla pari con il Gubbio.

E, soprattutto, bisogna ritrovare il bandolo della matassa. Ciò che preoccupa maggiormente, delle ultime partite, non è tanto il risultato in sé, quanto aver perso il gioco che pure si era visto negli incontri con squadre più attrezzate. Cioffi ha detto che la squadra si è ben preparata e crede in una buona prestazione. Staremo a vedere. Gli avversari sono avanti in classifica di soli tre punti, frutto della vittoria, la seconda di seguito, fuori casa, nell’ultima, contro l’Imolese e giocheranno per confermare il bel momento. 

Un risultato anche per rispondere alle contestazioni dei tifosi.

Fano-Rimini: il riscaldamento

 

Rimini in completo azzurro, i padroni di casa in casacca e completo amaranto.

Fasi confuse in questi primi minuti di gioco, soprattutto a centrocampo.

6° – Attacca il Rimini dalla destra, Gerardi conclude a lato.

7° – Sembra proprio Gerardi il finalizzatole finale pensato da Cioffi. Cigliano ancora per Gerardi che non ci arriva. I biancorossi aggrediscono l’avversario e spingono.

11° – Pericolo in area granata. Ancora Gerardi protagonista ma niente di fatto.

12° – Spinge ancora il Rimini con un cross dalla destra di Nava. Ancora niente di fatto ma l’impressione è che i biancorossi sono partiti con il piede giusto e stanno facendo meglio dei padroni di casa che non hanno ancora imbastito un’azione, anche per l’aggressività dei giocatori romagnoli.

14° – Sarli dalla linea di centrocampo in profondità per un attaccante. Scotti esce e recupera appena entro l’area un pallone pericoloso.

16° – Sul rovesciamento di fronte un bel colpo di testa di Ferrani che l’estremo Viscovo alza sulla traversa. Bel momento per il Rimini, due corner di seguito.

19° – Azione insistita dei biancorossi con la difesa che libera con difficoltà.

24° – Conclusione dalla distanza di Palma, di poco a lato.

26° – Prima azione del fano. Dalla sinistra un cross che, ravvicinato, tocca il braccio di Nava. Rigore.

27° – Scotti para il calcio di rigore a Barbuti, allungandosi alla sua sinistra, deviando in angolo a mano aperta.

L’estremo riminese Scotti para il rigore calciato da Barbuti.

Rimini elettrizzato.

35° – Gerardi non riesce ad agganciare un bel servizio di Palma. peccato. Momento positivo per i biancorossi anche se con qualche difficoltà a concludere efficacemente. Un bel Rimini. Padroni di casa ammutoliti e senza idee, con troppi errori, soprattutto in fase di impostazione, complice il pressing riminese.

37° – Presuntuoso Gerardi che calcia, alto, dal limite dell’area.

41° – Nava al volo, alto. Tanta buona volontà, controllo del gioco, ma difficoltà in fase conclusiva.

42° – Ancora un colpo di testa del solito Gerardi, alto e senza pretese. La risposta della squadra, ai tifosi e all’allenatore c’è come impegno e gioco. Manca solamente la finalizzazione.

45° – Cross pericoloso in area, Viscovo blocca alto.

1 minuto di recupero e prima parte della gara terminata.

Un Rimini che ha controllato bene la partita, che ha impostato e avuto il possesso palla, ma unica azione che davvero poteva essere determinante del Fano, quella del rigore di Barbuti, parato dall’estremo riminese. E’ possibile che il trainer riminese cambi, a inizio della ripresa qualcosa, per finalizzare la grande mole di lavoro dei biancorossi, che, onestamente, meriterebbero di più per quanto visto in campo.

 

Inizia la ripresa con palla del Rimini.

48° – Cross dalla sinistra di Nava per Gerardi, al centro dell’area. Colpo di testa ma l’attaccante è in fuorigioco.

50° – Carpani viene steso poco fuori dal limite da Palma che si guadagna il giallo. Punizione da posizione pericolosa. Calcia Baldini, deviato alto in angolo dalla barriera. Sul calcio d’angolo Carpani, inspiegabilmente solo in area, riesce a mettere a lato. Il Fano ha iniziato la ripresa con un piglio diverso.

57° – Espulso Zamparo. Rosso diretto per un fallo su Di Sabatino, probabilmente una gomitata. L’azione non si è vista ma il riminese non protesta. Adesso le cose possono cambiare e allora Cioffi innesta Arlotti e cambiando il ruolo di alcuni giocatori, difendendo a 4. 5 espulsioni nelle ultime 5 gare.

63° – Azione pericolosa del Rimini. Palla che non arriva a Gerardi, poi la sfera si sfila verso il fondo.

64° – Sul rovesciamento di fronte, su un tiro deviato, traversa di Parlati. Il Fano riprende vigore, controlla e costruisce, poco dopo, ancora con Parlati. Rimini costantemente in difesa e incontro che si incanala verso un continuo attacco dei padroni di casa e una difesa strenua, del pareggio, dei biancorossi.

74° – Cross di Tofanari, testa del nuovo entrato, Said, a lato.

75° – Ancora un’azione di Said, fortunatamente Ferrani libera.

78° – Parlati per Baldini che indirizza sul palo opposto, Scotti in angolo.

Prolungata azione del Fano che cerca la rete approfittandoblla superiorità numerica. Difesa dei biancorossi a meno di 10 minuti dalla fine dell’incontro. Sul terreno di gioco una sola squadra, per ora. Il Fano.

83° – Parlati molto presuntuosamente, dalla distanza, alto.

90° – L’arbitro decreta 4 minuti di sofferenza oltre il tempo regolamentare.

Partita finita, 0-0.

 

 

 

 

 

Scroll Up