Home > Sport > Rimini FC nel covo di Tuttocuoio, sarà un’altra battaglia

Rimini FC nel covo di Tuttocuoio, sarà un’altra battaglia

Sarà il Tuttocuoio, squadra che ha sede in quel di Ponte a Egola (frazione di San Miniato, provincia di Pisa) a saggiare la consistenza del Rimini FC 2017/2018 nella prima trasferta stagionale.

Curiosamente, coincidenza vuole che proprio in questo periodo i destini di Rimini e del distretto toscano del cuoio, che ha in San Miniato il suo centro, siano strettamente legati. Ma in tutt’altro campo: quello del salvataggio delle Casse di Risparmio di Rimini e appunto San Miniato, che dovrebbero andare entrambe, e insieme a Cesena, nell’orbita di Credite Agricole-CariParma.

Ma dovendo, per fortuna, parlare di calcio, iniziamo col notare che la squadra toscana, presieduta dalla neo presidentessa Paola Coia, ha vissuto brutti momenti conseguenti alla retrocessione patita pochi mesi fa, ma si è presentata regolarmente ai nastri di partenza.

La gara si disputerà alle ore 15 sul campo locale; scongiurata l’ ipotesi cambio di campo circolata in settimana, rendendo così più difficile il ricordo della gara andata in scena 2 stagioni fa, per chi c’era, disputata sul neutro di Pontedera e terminata 1 a 1 con pareggio beffa incassato dall’allora AC Rimini 1912 a tempo quasi scaduto. A qualcuno ronzano le orecchie?

Sarà comunque una trasferta non semplice. In primis perchè essendo la prima, tutti i meccanismi sono ancora da rodare e anche altri fattori tenderanno a complicare la situazione.
La seconda, ma non meno importante, complicazione sarà meteoreologica: prevista pioggia battente prima e durante il match.

Se per noi tifosi sarà scomodo passare almeno due ore sotto la pioggia, anche per la squadra non sarà una passeggiata disputare una gara concreta e, si spera, vincente su un campo pesante .

A preoccuparmi un po’c’ è anche una terza cosa.
Ci accingiamo a disputare un campionato che vorremmo a tutti i costi giocarci da protagonisti. Nessuno ha la palla di cristallo e la squadra, pur sulla carta buona,  non è di quelle apparentemente in grado di asfaltare tutti gli avversari, così come è avvenuto l’anno scorso.

Questa squadra ha bisogno di essere sostenuta e supportata dai tifosi e dall’ambiente in generale.
Ambiente che, paradossalmente, proprio quando si è cominciato a giocare, si trova spesso scosso e diviso da polemiche e dispute varie.

Tra Art bonus che non decolla, botta e risposta con associazioni di categoria e l’ultima polemica fresca fresca riguardante il calcio femminile, il rischio è che il campo passi spesso in secondo piano, mentre non è difficile immaginare quale polverone si alzerà nel caso in cui tra un mese, massimo un mese e mezzo, la squadra non dovesse aver ingranato e la classifica non dovesse essere consona alle ambizioni biancorosse.

Come si esce da momenti come questi?
Coi risultati, coi gol, con la squadra e il gioco.
Può sembrare paradossale, ma io credo che questo momento particolare venga proprio dalla mancanza di “febbre da campo” che attanaglia il popolo biancorosso ancora in versione estiva con infradito e bermuda ancora li’ a fare l’occhiolino.

In momenti come questi, l’intervento piccato della Femminile Rimini Calcio  non può passare inosservato. Si ritrova anzi amplificato dall’assenza di tematiche che emergeranno fisiologicamente dal campo.

Perché da domani sera, inesorabilmente, se il Rimini avrà vinto si faranno le pulci alla vittoria lasciando ancora spazio alle ultime polemiche in calo; ma se dovesse arrivare un risultato non consono ci sarebbe di colpo il ritorno alla realtà.

Realtà che nella giornata cult del calcio locale, ricordando quando la Juventus fece il suo esordio al Neri in serie B, ci vede a presentare una trasferta su un campo ai più sconosciuto in un paese che, con tutto il rispetto, non credo avrei mai avuto l’occasione di visitare.

Contrariamente a quanto ho letto in giro anche dopo la risposta altrettanto aspra della società alla Femminile Rimini calcio,  mi astengo dal dare consigli o dal prendere le parti.
La ricetta per uscire da questo momento è nella mente di Simone Muccioli che da domani sera alle 17 sara’ lì, davanti ai microfoni a prendere complimenti e pacche sulle spalle o domande scomode di ogni genere e maniera perché il calcio giocato è pronto a riprendersi, fisiologicamente, il suo ruolo guida.

Simone Muccioli in conferenza stampa

Simone Muccioli in conferenza stampa

Dice il mister alla vigilia:

“Sarà una bolgia, sia perché giocheremo in un campo molto caldo dal punto di vista ambientale che per il fatto che incontreremo una buona formazione. Sono una squadra fisica, una compagine che gioca con grinta e intensità ma che possiede anche elementi di qualità come Forgione o lo stesso Masini, un attaccante che ha sempre giocato in categorie superiori”.

E Muccioli aggiunge: “Come dico sempre, al di là dell’avversario e del fatto che si giochi tra le mura amiche o in trasferta, dobbiamo pensare a noi. Dobbiamo essere bravi a soffrire, e tutti insieme, quando la partita lo richiede ma, soprattutto, non dobbiamo snaturare il nostro gioco in funzione dell’avversario. Siamo il Rimini, abbiamo una precisa identità di squadra, dunque dobbiamo scendere sempre in campo cercando di imporre il nostro gioco e con l’obiettivo di raccogliere il massimo”.

La fiducia comunque non manca: “In settimana ci siamo allenati molto bene e anche oggi, nella rifinitura, ho visto i miei giocatori molto carichi. Sono soddisfatto dell’atteggiamento mostrato dai ragazzi sino a questo momento, tutti stanno lavorando con impegno e disponibilità. Questo è un grande gruppo, dobbiamo continuare su questa strada perché sono convinto ci toglieremo delle belle soddisfazioni”.

Qaule informazione di servizio aggiungiamo che il Rimini F. C. comunica che, al botteghino del “Romeo Neri”, sono disponibili gli abbonamenti sottoscritti sino a sabato 2 settembre. Si ricorda che per il ritiro sarà come sempre necessario presentarsi muniti della ricevuta rilasciata al momento della sottoscrizione (senza ricevuta non verrà consegnata alcuna tessera). La prossima settimana gli abbonamenti si potranno ritirare dal lunedì al sabato, dalle 9 alle 11 (mercoledì solo la mattina) e dalle 15 alle 18. Mercoledì pomeriggio, dalle 13 alle 15.15, la biglietteria sarà attiva solo per i biglietti del match di campionato Rimini-Castelvetro.

Ammetto di avere veramente voglia di pallone di gioco e di risultati in luogo di comunicati polemiche eccetera
Quindi anche a Ponte a Egola forza Rimini e poi sotto col Castelvetro nel primo turno infrasettimanale della stagione che, mi auguro, si disputerà in un orario diverso dalle ore 15 canoniche, visto che in una giornata feriale di metà settembre giocare a quell’ora significherebbe consegnare le gesta della squadra a pensionati e studenti. A quell’ora la maggior parte dei tifosi lavora, chi può intervenire ne tenga conto.
Forza Rimini!

Emanuele Pironi

Ultimi Articoli

Scroll Up