Home > Ultima ora Attualità > Rimini, Festa della Repubblica sobria ma con notevoli spunti di riflessione

Rimini, Festa della Repubblica sobria ma con notevoli spunti di riflessione

Sarà una cerimonia sobria, ma allo stesso tempo non priva di notevoli spunti di riflessione, quella che festeggerà il 74° compleanno della nostra Repubblica. L’evento avrà luogo nell’area tra la sede del Palazzo del Governo e quella del Duomo di Rimini, grazie alla diretta collaborazione con la Prefettura da parte del Comune di Rimini, dell’Ufficio Scolastico Regionale – Ambito Territoriale e del 7° Reggimento Aviazione dell’Esercito “Vega”.

Come indicato dall’Ufficio del Cerimoniale e per le Onorificenze della Presidenza del Consiglio dei Ministri, la manifestazione – il cui inizio è fissato alle ore 10,30 di martedì 2 giugno – non prevede il tradizionale coinvolgimento delle formazioni militari e rispetterà, in tutte le parti del suo svolgimento, le disposizioni sul distanziamento sociale e il divieto di assembramento.

Sarà il Coro “Le allegre note” di Riccione, diretto dal Maestro Fabio Pecci, ad offrire sia l’avvio con l’Inno Nazionale – mentre i Militari del 7° “Vega” procedono con l’Alzabandiera dal balcone centrale della Prefettura – sia la chiusura della cerimonia con l’Inno alla Gioia, divenuto Inno dell’Unione Europea.
Coro che è nel suo ventennale di attività – essendo stato costituito nell’anno 2000 – e che annovera oltre 160 coristi in attività, con un palmares di ben 7 primi premi in concorsi nazionali e internazionali, oltre a numerosi altri piazzamenti.
La formazione, che ha avuto l’onore di cantare anche con il Maestro Claudio Abbado e di essere il primo Coro di voci bianche ad esibirsi sul palco del restaurato Teatro “A. Galli”, sarà presente nella circostanza – proprio per consentire il massimo rispetto del distanziamento tra i giovanissimi cantori – con appena 19 unità.

La cerimonia, alla quale presenzierà una ristretta rappresentanza di Autorità Civili, Militari e Religiose, vedrà poi la partecipazione dei cinque studenti della Consulta Provinciale di Rimini i quali, dopo il Messaggio del Presidente della Repubblica, letto dal Prefetto di Rimini, procederanno alla lettura di interventi “storici” legati ai temi della Costituzione e dell’Ordinamento repubblicano da loro scelti.
In particolare, si tratta di discorsi appassionati e particolarmente significativi di due Presidenti della Repubblica, Luigi Einaudi e Sandro Pertini, in occasione del giuramento; della allora neo eletta Presidente della Camera dei Deputati Nilde Iotti, prima donna della storia a presiedere un ramo del Parlamento; di due autorevoli componenti dell’Assemblea Costituente quali Piero Calamandrei e Vittorio Foa.
La manifestazione sarà connotata da estrema sobrietà, ma anche da particolare intensità nella scansione dei segni e delle parole.

Scroll Up