Home > Eventi Cultura e Spettacoli > Rimini, il Galli si fa tempio della danza con il concorso dedicato a Noureev

Rimini, il Galli si fa tempio della danza con il concorso dedicato a Noureev

«La danza è un modo per essere completamente se stessi, per esprimere la propria personalità senza essere giudicati. Noureev aveva un grande carisma, riusciva ad attirare l’attenzione su di sé anche solo con piccoli gesti. Esibirsi su una sua coreografia, sul palco del Teatro Galli sarà una doppia emozione».

La giovanissima Giorgia Raineri è una delle due riminesi che compongono la selezione di candidati impegnati da domani, mercoledì 7 agosto, al Teatro Galli per la preparazione della grande serata di domenica 11 agosto, quando si decreteranno i vincitori della prima edizione del Concorso internazionale Rudolf Noureev, presentato da Art Fest con il patrocinio della Fondation Rudolf Noureev e la collaborazione del Comune di Rimini. Un appuntamento dedicato alle promesse della danza internazionale al via domani 7 agosto, con le prime sessioni di preparazione dei candidati e che culminerà domenica (ore 20.30) con una speciale serata di premiazione aperta al pubblico nel quale i ballerini in gara e gli ospiti onoreranno il repertorio del grande danzatore coreografo. Per l’occasione al Teatro Galli sarà presente una delle regine della danza italiana, Carla Fracci, insieme al marito e regista Beppe Menegatti.

«Ballare con Rudolf era una sfida. Carattere difficile. Uomo capriccioso e volubile. Eccentrico e competitivo. Ma di grandissima generosità. Era inammissibile per lui che nel lavoro non ci si impegnasse. Non voleva essere solo porteur della ballerina, ma voleva ballare con lei. E per guadagnarsi la sua stima, bisognava essere più forti e uscirne vittoriosi. Il nostro rapporto era fra due competizioni che stavano per scrivere il futuro della danza. Quella morale e quella stilistica».Così, in un’intervista rilasciata a Il Messaggero Fracci raccontava il suo rapporto con Noureev, di cui fu una delle storiche partner. Una storia iniziata nel 1963 al Festival di Spoleto, che fu l’inizio di uno straordinario sodalizio artistico. Rudolf – ha aggiunto in un’altra intervista – era un uomo di straordinaria e profonda solitudine, ma un uomo di grandi tenerezze».

Il programma della serata di premiazione domenica 11 agosto
La madrina della soirée Anna Maria Prina con Carla Fracci e Beppe Menegatti daranno il via alla Prima edizione del Concorso. I candidati presenteranno prima la coreografia di Noureev scelta fra quelle imposte dal regolamento del Concorso poi una coreografia “libera” di classico o di contemporaneo, a scelta. I candidati che si contenderanno il premio sono 13, in rappresentanza di 7 paesi: Michela Caprarulo (Italia), Mikolaj Czyzowski (Polonia), Stella De Danieli (Italia), Jérôme Février (Belgio) Camilla Giubilato (Gran Bretagna), Matteo Magalotti (Germania), Paul Meneu (Francia), Yujin Park (Corea), Layla Proietti Bovi (Svizzera), Giorgia Raineri (Italia), Matteo Real (Francia), Giorgia Tartaglia (Italia) e Daria Villani (Italia).

Nella seconda parte della serata spazio agli artisti ospiti, giovani étoile già affermatesi sui palcoscenici internazionali, che si esibiranno su coreografie di Noureev: Victor Coffy (Lithuanian National Ballet) e Elisa Lons (Royal Swedish Ballet) si esibiranno in un passo a due da “Casse Noisette” (Lo schiaccianoci); Coffy sarà poi protagonista di un Solo da “Raymonda”, mentre Lons si esibirà in una coreografia da “Odile” (Il Cigno nero). Per finire un passo a due da “Donizetti” nella coreografia di Manuel Legris, etoile nominata da Noureev e ora direttore del Teatro dell’Opera di Vienna, che vedrà sul palco Ambre Chiarcosso e Francesco Mura (Opéra de Paris).

La giuria

In giuria, oltre ai coach, Anna Maria Prina già direttrice della scuola di Ballo dell’Accademia alla Scala e madrina della serata e il coreografo internazionale Joseph Russillo, in passato docente di ballo contemporaneo all’Opéra di Parigi e coreografo residente alla Scala di Milano. Il direttore artistico del Concorso e presidente di giuria sarà invece Daniel Agésilas dell’Opéra di Parigi, già direttore des études chorégraphiques del Conservatoire National de Paris. Saranno anche presenti: Thierry Fouquet, vice Presidente della Fondazione Noureev e direttore delle Editions Mario Bois, Stéphane Fournial, direttore della scuola di Ballo del Teatro San Carlo di Napoli ed Elena Cervellati del DAMS Università di Bologna.

I premi
I vincitori – solo maschile e femminile – si aggiudicheranno borse di studio messe a disposizione grazie alla Fondazione Noureev dal Centre International de Danse Rosella Hightower di Cannes, dal Centre International de Danse de Marseille e dal Conservatorio Nazionale di Vilnius. Ai vincitori saranno consegnate le targhe “Grifone d’oro”, piccole opere d’arte realizzate interamente a mano da “Studio Forme – Roma” di Rita Rivelli.

Biglietti

Prezzo dei biglietti: 20 – 35 euro.
Info e prenotazioni: +39 380 6413533, concours.rudolfnoureev@gmail.com
Biglietteria: info point presso Teatro Galli dal 7 agosto

Lo stage
Il Concorso sarà anche un’opportunità per consentire a giovani aspiranti ballerini di seguire uno stage di alto livello. E’ stata data priorità agli allievi delle scuole del territorio, che hanno collaborato alla realizzazione dell’iniziativa: Aulos Danza, Dance Studio, H.O.P.E. For Dance, Regina Centro Danza, Scuola Di Balletto, ma parteciperanno anche allievi dal resto di Italia e dal Conservatoire e Ecole de l’Opéra de Paris.

Scroll Up