Home > Ultima ora politica > Rimini, Garattoni, Coraggiosa: “Vaccinazioni. Servono risorse per rafforzare la sanità territoriale”

Rimini, Garattoni, Coraggiosa: “Vaccinazioni. Servono risorse per rafforzare la sanità territoriale”

La sanità e le problematiche legate al sociale dovrebbero essere la bussola per la buona politica, lo dovrebbero essere sempre ma ancor di più  in questa fase storica. Pensiamo che il piano vaccinale anti covid – scrive in un comunicato Luigino Garattoni, di Emilia Romagna Coraggiosa – rivesta un punto fondamentale per sconfiggere l’epidemia. Ieri sono stato in Fiera per accompagnare un familiare alla vaccinazione e ho constato la buona organizzazione della struttura addetta alle vaccinazioni, un ringraziamento agli operatori sanitari ed ai volontari che stanno contribuendo a questo importante lavoro. Quello che stride – continua Luigino Garattoni – è che mentre si stanno facendo le vaccinazioni e si cerca faticosamente di uscire dalla pandemia nelle stesse ore all’esterno dello stadio di San Siro una folla enorme senza distanziamento e spesso senza mascherine si accalcava per sostenere le squadre milanesi impegnate nel derby. Come se i morti di un anno fa non ci  fossero mai stati, mentre dovremmo avere ancora negli occhi le colonne dei camion militari che da Bergamo portavano i corpi delle vittime di Covid nei forni crematori disponibili nelle altre città.  Molte di quelle vittime furono anche conseguenza della partita Atalanta-Valencia di quel periodo, ma purtroppo la storia spesso, troppo spesso non insegna nulla. Penso che il piano vaccinale dovrà traguardare non solo le vaccinazioni necessarie per quest’anno ma probabilmente anzi certamente le vaccinazioni dovranno proseguire anche negli anni futuri. Bene a questo proposito il protocollo firmato dal ministro Speranza con i medici di base per effettuare le vaccinazioni negli ambulatori di questi professionisti, ma serve aumentare il numero dei medici e degli infermieri nei poliambulatori. In ogni poliambulatorio ai medici presenti – conclude Luigino Garattoni di Emilia Romagna Coraggiosa – si dovrebbe aggiungere un medico ed un infermiere e per fare questo servono risorse economiche ed organizzazione per rafforzare la sanità territoriale, questo serve farlo in maniera celere e con la responsabilità necessaria. La buona politica si misura anche da questo perché il sindaco, assieme al ministero della Sanità ed alla Regione ha la competenza sulla sanità e sulla salute di tutte le persone”.

Scroll Up