Home > Ultima ora politica > Rimini, Gioenzo Renzi: “Recuperare l’ex Convento di San Francesco per ampliare la Gambalunghiana”

Rimini, Gioenzo Renzi: “Recuperare l’ex Convento di San Francesco per ampliare la Gambalunghiana”

Un comunicato del consigliere comunale Gioenzo Renzi e la sua proposta per il recupero dell’ex Convento di San Francesco da destinare all’ampliamento della Gambalunghiana:

“Si è discussa ieri mattina in Commissione Consigliare la mia Mozione per il “recupero dell’ex Convento di San Francesco e l’ampliamento della Biblioteca Gambalunga”. 

Dopo 75 anni dalla fine della Seconda Guerra Mondiale permangono ancora le rovine dell’ex Convento di San Francesco in Via Novembre, distrutto dai bombardamenti, di fianco al Tempio Malatestiano.

Ho ricordato l’importanza storica del Convento di San Francesco risalente al 1257, dove  si insediò nel 1400 la prima Biblioteca pubblica d’Italia per volontà della famiglia Malatesta, da Carlo a Sigismondo, che la arricchirino di moltissimi volumi come testimonia Roberto Valturio.

La Biblioteca dei Francescani e Malatesti (1400) era la più antica Biblioteca pubblica d’Italia, a cui seguirono dopo due secoli l’Ambrosiana di Milano (1609), l’Angelica di Roma (1614) e la Gambalunga di Rimini (1619).

Nel 2006 era stato approvato il recupero filologico dell’ex Convento con destinazione a Biblioteca dell’Università, progetto poi abbandonato e  perseguito nell’ambito della ricostruzione dell’ex Palazzo Lettimi insieme agli alloggi per studenti.

Dinnanzi alla reiterata necessità di nuovi spazi della Biblioteca Gambalunga, ho chiesto di riprendere il progetto di recupero dell’ex Convento di San Francesco con una superficie di 2.260 mq. vicino alla Biblioteca Gambalunga.

Dell’originario Convento di San Francesco rimane il lato verso il mare con una parte del piano terra e del  1° piano.

Mentre la parte del Convento di proprietà della Curia Vescovile è stata ricostruita negli anni ’70, la restante parte di proprietà del Comune, per insipienza delle nostre Amministrazioni Comunali, è rimasta un rudere con i resti archeologici nascosti tra le erbacce e i topi dietro il muro di Via IV Novembre .

Al riguardo, ho chiesto un sopralluogo dei Consiglieri Comunali affinché si rendano conto della situazione. 

Purtroppo, per il recupero dell’ex Convento di San Francesco, gli Assessori ai Lavori Pubblici (Sadegholvaad) e alla Cultura (Piscaglia) hanno dichiarato in Commissione che l’Amministrazione Comunale “non ha un pensiero sul che fare”, al di là del taglio delle erbacce!

A maggior ragione, nella continuità, sostengo la mia proposta di ridare vita alla prima Biblioteca pubblica d’Italia, una particolarità per Rimini , o di ricreare quegli stupendi spazi espositivi, che avevano ospitato negli anni 30, la Pinacoteca e il Museo Archeologico.

Altrimenti, con l’Amministrazione Comunale “che non ha un pensiero” non si rimuoveranno per altri decenni le rovine e il degrado di fianco al Tempio Malatestiano”.

Gioenzo Renzi 

Scroll Up