Home > Ultima ora politica > Rimini: “L’Italia dei diritti, volontà popolare e referendum”. Ieri convegno di +Europa PSI e Radicali

Rimini: “L’Italia dei diritti, volontà popolare e referendum”. Ieri convegno di +Europa PSI e Radicali

Si è tenuto ieri, presso la Sala del Giudizio del Museo della Città, gremita di persone per un totale di circa 80 presenze, l’incontro “L’Italia dei diritti – Volontà popolare e referendum” con la presenza del Segretario Nazionale del PSI Enzo Maraio, dell’On.le Riccardo Magi, Presidente di + Europa, e del riconfermato segretario di Radicali Italiani, Massimiliano Iervolino. 

Il dibattito, moderato dalla scrittrice Lorena Fonti che si è messa nei panni di un normale cittadino interessato ad approfondire i temi referendari, è stato introdotto dal Segretario del PSI Rimini e Assessore Francesco Bragagni – che ha svolto un inquadramento storico delle battaglie per i diritti civili, auspicando che i 5 referendum sulla Giustizia vengano accorpati nella stessa data delle elezioni amministrative – e ha visto i saluti del Segretario regionale PSI Marco Strada, che ha aperto con una premessa sulla situazione in Ucraina.

L’incontro, presieduto dal Coordinatore della Segreteria Nazionale del PSI Luigi Iorio che ha ricordato il ruolo del pioniere delle battaglie per i diritti Loris Fortuna, è proseguito con l’intervento dell’avv. Lorenzo Cinquepalmi, responsabile diritti PSI, che ha svolto un inquadramento tecnico dei 5 questi per la Giustizia Giusta, e con quello di Jacopo Vasini che ha presentato la nuova Associazione Radicali Rimini ed è entrato nello specifico della mancata ammissione del referendum per l’Eutanasia.

Anche il consigliere comunale di Futura Luca Pasini ha parlato delle motivazioni poco condivisibili con cui la Corte Costituzionale ha bocciato tre quesiti, ricordando l’attivismo di questa estate sul territorio, mentre Francesca Mattei, Assessora del Comune di Rimini, ha ricordato l’importante ruolo dei giovani nella raccolta referendaria per l’Eutanasia Legale e la legalizzazione della Cannabis, battaglie sostenute anche da Coraggiosa.

Nadia Rossi, Consigliera Regionale PD, si è dichiarata favorevole ad una legge che disciplini l’eutanasia, ricordando di aver firmato per il referendum, e ha svolto una riflessione sui referendum Giustizia, in particolare sulla richiesta di abrogazione della legge Severino, mentre Simone Fanfarillo ha parlato della legalizzazione della cannabis.

Nelle conclusioni, il deputato Riccardo Magi, Presidente di +Europa, ha spiegato perché secondo lui la bocciatura dei tre referendum più attesi sia stata frutto di una scelta sbagliata della Consulta, aggravata dalla conferenza stampa del Presidente Giuliano Amato che ha svolto considerazioni eccessive sulla redazione dei quesiti referendari.

E’ stato poi il turno di Massimiliano Iervolino, appena confermato Segretario di Radicali Italiani, che ha raccontato la grande mobilitazione estiva dei radicali per i referendum, unendosi alle considerazioni di Magi sulla mancata ammissione e ribadendo che il suo partito continuerà a concentrarsi temi dei diritti e della democrazia partecipativa.

Il Segretario nazionale del PSI Maraio ha infine sottolineato che anche la mancata ammissione del referendum sulla responsabilità civile dei magistrati risulta un profondo errore, essendo stato ammesso un quesito praticamente identico già negli anni ’80. Rinnovando l’impegno del PSI su Eutanasia legale e cannabis, Enzo Maraio ha affermato che le bocciature dei tre quesiti non devono fermare socialisti e radicali nella battaglia referendaria sulla Giustizia, che contribuirà a rendere il nostro sistema giudiziario più efficiente e sarà uno stimolo a completare la riforma Cartabia in Parlamento. Secondo Maraio, l’appoggio di Salvini a questa battaglia non deve minimamente scalfire la volontà dei cittadini nel voler cambiare un sistema che necessità di riforme urgenti in quanto affetto da tempo da lentezze e disfunzioni che incidono in profondità sulla vita di tutti.

Gli organizzatori hanno annunciato che quello di ieri è stato solo il primo momento di approfondimento sui diritti e la Giustizia, comunicando che verrà stilato il programma di un ciclo di incontri tematici.

Ultimi Articoli

Scroll Up