Home > Ultima ora economia > Rimini, “Industry 4 school”: consegnate due borse di studio, 4.500 euro, a studenti di ingegneria

Rimini, “Industry 4 school”: consegnate due borse di studio, 4.500 euro, a studenti di ingegneria

Il Progetto “Industry 4 school” ha centrato un nuovo obiettivo: sono state infatti consegnate ieri due borse di studio per complessivi 4.500 euro a due studenti del territorio.

I vincitori sono Massimiliano Frisoni di San Marino e Matteo Fraternali di Montefiore Conca.

Questi due brillanti studenti infatti, dopo essersi diplomati rispettivamente all’ITIS di Rimini e l’ITS di Urbino ed aver frequentato parallelamente i corsi integrativi gratuiti offerti dalle tre aziende promotrici del Progetto, si sono poi iscritti all’Università, dove stanno realizzando un percorso eccellente in termini di risultati: Frisoni è iscritto al secondo anno di Ingegneria dell’automazione all’Università di Bologna, mentre Fraternali ha scelto Ingegneria biomedica presso la sede di Cesena dell’Università felsinea.

Come era stato annunciato lo scorso anno, i tre imprenditori che hanno ideato, realizzato e finanziato questo progetto, hanno voluto dare un contributo tangibile per contribuire ai costi di iscrizione all’Università di questi due ragazzi meritevoli, che hanno dimostrato ottime capacità di apprendimento e forte orientamento al risultato, oltreché un’innata passione per il mondo della meccanica.

L’iniziativa “Industry 4 school” è promossa da tre aziende leader del settore metalmeccanico come FOM Industrie, Universal Pack e MT, che nel loro insieme impiegano oltre 500 persone e sono impegnate in importanti processi di investimento nell’innovazione tecnologica: anche per questo le tre aziende sono in continua ricerca di personale specializzato da inserire in organico per potenziare ulteriormente la fase di sviluppo.

La cerimonia di consegna delle borse di studio, avvenuta alla compresenza dei tre imprenditori Gianluca Marchetti, Alessandro Pettinari e Pietro Donati, nonché dei dirigenti scolastici, dei docenti degli istituti di provenienza e degli studenti stessi, si è tenuta materialmente in modalità online con collegamento a distanza, per ovviare ai problemi dovuti al virus Covid-19.

Anche il mondo dell’industria sta soffrendo inevitabilmente le conseguenze delle costrizioni dovute alla lotta al virus; gli impianti produttivi di queste tre aziende sono stati chiusi per alcune settimane nel mese di marzo, ma poi la produzione è ripresa prontamente, anche se con i necessari adeguamenti organizzativi. 

Nel proprio intervento introduttivo Gianluca Marchetti, titolare di MT Srl, ha voluto sottolineare l’importanza simbolica di queste borse di studio, che testimoniano la coerenza degli imprenditori nel voler continuare a selezionare, formare e inserire giovani promettenti nel tessuto produttivo della nostra provincia. 

Un caloroso ringraziamento al mondo della scuola è stato indirizzato nel suo saluto da Alessandro Pettinari, CEO di Fom Industrie, che ha voluto rimarcare il grande e soddisfacente spirito di collaborazione scuola-impresa, di cui il Progetto “Industry 4 school” è un esempio virtuoso.

In rappresentanza di Universal Pack è intervenuto il responsabile marketing Alex Leardini, che ha espresso vivo orgoglio nell’aver condiviso sin dall’inizio questo progetto che investe sui giovani di talento.

Per gli istituti tecnici erano collegati tra gli altri, anche la dirigente scolastica dell’ITIS di Urbino, prof.sa Silvia Gelardi, la prof.ssa Annalisa Roselli dell’ITIS di Rimini ed il prof. Francesco De Nunzio dell’ISISS di Morciano: tutti  i docenti hanno espresso la convinta volontà di garantire continuità a questa preziosa offerta formativa complementare, che fa leva su imprese importanti del territorio.

“Industry 4 School” è giunto quest’anno alla terza edizione e nel prossimo autunno si valuterà come proseguire il percorso, compatibilmente con le difficoltà organizzative generali dovute al particolare momento; la formazione non può prescindere dalla presenza fisica degli studenti in azienda, anche perché viene realizzata anche con l’ausilio di macchinari all’avanguardia e simulatori, che costituiscono il valore aggiunto dell’offerta formativa.

Scroll Up