Home > Eventi Cultura e Spettacoli > Rimini: la città si veste a festa per i 400 anni della Gambalunghiana

Rimini: la città si veste a festa per i 400 anni della Gambalunghiana

E’ iniziato il conto alla rovescia per la Festa di Compleanno della Biblioteca Gambalunga in programma martedì 23 aprile, giornata con tanti eventi e gli ospiti Alessandro Bergonzoni, Vinicio Capossela, Luciano Canfora e Marino Sinibaldi. La città di Rimini si sta già preparando all’evento. All’iniziativa organizzata dal Comune di Rimini – Biblioteca Gambalunga hanno infatti aderito anche i commercianti del centro storico che in questi giorni hanno già iniziato ad allestire le proprie vetrine in tema con la ricorrenza dei 400 anni.

Da domani, venerdì 19 aprile, i negozianti (una quarantina gli aderenti) saranno pronti con i propri allestimenti, con citazioni, volumi, immagini della Biblioteca cittadina, nata nel 1619 per volere di Alessandro Gambalunga, che destinò nel testamento il proprio patrimonio librario e una parte della sua abitazione alla città di Rimini, ponendo così le basi e assicurando per i secoli a venire l’istituzione di una biblioteca pubblica e civica, la prima in Italia.

Anche Palazzo Gambalunga nel frattempo si sta preparando alla festa. Nella Corte della Biblioteca, che nella giornata di martedì 23 ospiterà un laboratorio di disegni condotto da Georgia Galanti e nel pomeriggio le letture di e con Alessia Canducci, è quasi tutto pronto per l’installazione Galeotto fu il libro, a cura di Lia Cirielli e Concetta Ferrario. Oltre alle lettere d’amore dei lettori che hanno aderito all’iniziativa lanciata il 14 febbraio scorso, i visitatori troveranno raffinati pannelli con le frasi di autori celebri dedicate al libro e alla lettura.  – da Dante a Emily Dickinson, a Leonardo Sciascia, Umberto Eco, Massimo Recalcati – vergate a mano dai partecipanti ad un laboratorio di calligrafia.

Gambalunga 400. Festa di compleanno è una iniziativa del Comune di Rimini – Biblioteca civica Gambalunga, con il sostegno del Gruppo Sgr e il patrocinio dell’Istituto per i Beni artistici e Culturalidella Regione Emilia-Romagna.

Ultimi Articoli

Scroll Up