Home > Eventi Cultura e Spettacoli > Rimini: la testimonianza di Franco Leoni Lautizi, sopravvissuto di Marzabotto in un CD. Oggi la presentazione

Rimini: la testimonianza di Franco Leoni Lautizi, sopravvissuto di Marzabotto in un CD. Oggi la presentazione

Il valore della memoria e la promozione di una cultura della pace sono da sempre al centro del lavoro mission dell’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra (ANVCG).

La Sezione di Rimini è impegnata nella difesa e trasmissione della conoscenza storica e sensibilizzazione delle nuove generazioni attraverso la realizzazione di seminari di formazione e attività di educazione alla pace, rivolte alle scuole e alla società civile.

A tal fine, la sezione svolge una intensa attività di testimonianza sulle stragi nazifasciste, avendo come interlocutori privilegiati i più giovani, poiché il cambiamento sociale passa tra le nuove generazioni attraverso la diffusione di valori quali la solidarietà, la condivisione il rispetto, la tolleranza. 

Testimone d’eccezione è Franco Leoni Lautizi, sopravvissuto alla strage di Montesole, Consigliere Provinciale della Sezione di Rimini e Ambasciatore di pace del Comune di Marzabotto.

Creando una forte empatia, Franco Leoni in ogni incontro rimarca la discrepanza di come le giovani generazioni di oggi vivano la loro vita dettata dalla aleatorietà dei social, come direbbe Umberto Eco, “costretto in un eterno presente” e l’incubo della ferocia di quei giorni e che ancora lo perseguita giornalmente. 

Franco Leoni ha scritto “Mia Madre”, poesia in memoria della propria madre Sassi Mari Martina, la quale in procinto di partorire lo ha protetto col proprio corpo dalle mitragliate tedesche, lasciandolo ferito e motivo di orgoglio per lui, perché posta all’inizio del sentiero di Cà Dorino, che porta al rifugio di Monte Sole. 

Proprio a partire da questo lavoro e da questa sensibilità è nato il cd La vita in un cammino ispirato alla storia di Franco Leoni Lautizi, un racconto di Rodolfo Tabasso, registrato presso Laboratorio del Suono-Sermig e realizzato con il contributo di Regione Emilia-Romagna.

Il progetto nasce non solo per preservare la testimonianza di Franco Leoni, ma anche per ampliare ancora di più il raggio di azione del racconto della vicenda, che Franco porta instancabilmente di fronte a migliaia di ragazzi da anni.

Alla presentazione on line del cd “La vita in un cammino”, interverranno Franco Leoni Lautizi (Dirigente ANVCG), Andrea Tronzano (Assessore Regione Piemonte), Paola Bertelle (Comune di Trofarello-Torino), Michele Corcio (Vice Presidente Nazionale ANVCG), Cenci Marialuisa (Dirigente ANVCG), Rodolfo Tabasso (Autore), Mauro Tabasso (Direttore artistico Laboratorio del suono -Sermig). 

Appuntamento fissato per venerdì 26 febbraio, ore 18, sulla pagina fb dell’Associazione https://www.facebook.com/anvcgonlusrimini.

Obiettivo dell’evento, è quello di riflettere sui principi etici della pace, della solidarietà e della tolleranza. 

L’incontro infatti, ponendo l’accendo alla memoria e alla narrazione, vuole offrire un’opportunità di confronto, di condivisione e legittimarsi come momento di profonda relazione sociale e riflessione collettiva, perché la disumanità degli eventi narrati, che offendono l’intera umanità, non abbiano più a ripetersi.

“Ciò che è narrato è riconosciuto e trasformato in esperienza”, divenendo così patrimonio pubblico.

ANVCG è l’Ente Morale preposto per legge alla tutela e alla rappresentanza delle vittime civili di guerra in Italia e accanto ai tradizionali compiti, è impegnata a livello nazionale e internazionale nella protezione delle popolazioni civili coinvolte in guerre e conflitti armati, realizzando progetti umanitari, anche in collaborazione con istituzioni e altre organizzazioni operanti per la tutela dei diritti umani. Grazie ai Protocolli di Intesa sottoscritti con MIUR e Stato Maggiore della Difesa è particolarmente attiva nella sensibilizzazione delle giovani generazioni ad una cultura della pace e della solidarietà.

Scroll Up