Home > Ultima ora Attualità > Rimini: “Mi hai rubato la bici”, ma dopo tre anni di processo si svela la calunnia

Rimini: “Mi hai rubato la bici”, ma dopo tre anni di processo si svela la calunnia

Si è concluso ieri, 12 dicembre, dopo tre anni un processo davanti al Tribunale di Rimini in cui imputato era un ragazzo italiano (V.M.) residente a San Marino accusato di aver rubato una bicicletta elettrica. Il mezzo era stato riconosciuto dal sedicente proprietario, un senegalese (D.K.) di 40 anni, in base a un nome apposto con il pennarello sul copertone, passeggiando per caso e vedendola all’interno di un negozio di riparazione di cicli nel centro di Rimini.

Il 30enne italiano accusato di furto e difeso dall’avvocato Luigi Delli Paoli ha subito collaborato e spiegato agli inquirenti di essere il legittimo proprietario, tanto che utilizzava quotidianamente la bici avendone le chiavi ed il caricabatteria.

Tutte le dichiarazioni del senegalese che aveva denunciato il furto sono cadute una dopo l’altra a seguito delle contestazioni dell’avvocato Delli Paoli Luigi, che evidenziava come stranamente la presunta vittima aveva denunciato il furto solo un anno dopo il fatto e mentre nella denuncia aveva dichiarato che la bici era legata con la catena poi nel dibattimento (ricordandosi che era elettrica) aveva dichiarato che l’aveva lasciata aperta con addirittura le chiavi inserite nel circuito, dimenticando tra l’altro l’intero mazzo di chiavi comprese quelle di casa.

Incalzato dall’avvocato Delli Paoli Luigi che evidenziava la circostanza assolutamente impossibile in quanto al quel punto non avrebbe avuto modo di entrare in casa, il Giudice dott. Pelusi non ha potuto che dare ragione all’italiano assolvendolo con formula piena, mentre il pubblico ministero, dott. Berardi, aveva richiesto 6 mesi di reclusione e 300 euro di ammenda. A parere dell’avv. Delli Paoli Luigi il senegalese potrebbe aver apposto il proprio nome sulla bici parcheggiata per poi reclamarne la proprietà. Ora il senegalese rischia una denuncia per calunnia.

Ultimi Articoli

Scroll Up