Home > Ultima ora cronaca > Rimini. Molo Street Parade. Il bilancio delle forze dell’ordine: arresti, denunciati e ricoveri in ospedale

Rimini. Molo Street Parade. Il bilancio delle forze dell’ordine: arresti, denunciati e ricoveri in ospedale

La Prefettura di Rimini fa il punto della sera e notte della Molo

Anche quest’anno la Molo Street Parade, evento, giunto  alla ottava edizione, che dà pieno avvio all’Estate riminese, ha fatto registrare decine di migliaia di presenze nel corso dell’intero evento, con un picco nelle ore serali e notturne.

La manifestazione, di grande richiamo e di complessa organizzazione, ha costituito oggetto di analisi in diverse sedute di Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, nel corso delle quali sono stati approfonditi tutti gli aspetti necessari ad assicurare il sereno svolgersi delle iniziative.

In seno al Comitato sono state condivise, tra tutti gli attori coinvolti (Forze dell’ordine, Comune, Vigili del Fuoco, Organizzatori, Servizio 118),  alla luce delle esperienze passate,  nuove modalità di svolgimento dell’evento, a partire dall’ingresso a pagamento,  che hanno poi trovato attuazione nei Tavoli tecnici coordinati dal Sig. Questore e nell’attività della Commissione provinciale sui locali di pubblico spettacolo, organismi più volte riunitisi che hanno lavorato, anche sul posto, fino all’inizio della manifestazione, che ha preso avvio già a partire dalle ore 10 del mattino.

Questi i dati di sintesi dell’evento:

  • nel corso dei controlli sono state identificate complessivamente 477 persone, di cui 172 straniere, sono stati effettuati 6 arresti;
  • 29 sono i denunciati a piede libero per danneggiamenti e/o lesioni aggravati, spaccio di sostanze stupefacenti,  porto d’armi ingiustificato, guida in stato di ebbrezza, rissa;
  • 16  i verbali elevati dalla Guardia di Finanza   ad esercenti per mancata emissione di scontrini fiscali nell’area dell’evento;
  • 58 gli interventi sanitari, dei quali 38 hanno riguardato persone trasportate e trattate presso il PMA (Posto Medico Avanzato), istituito all’interno dello scenario e 20 sono state le persone curate sul posto  ove si è verificata l’esigenza; in due casi si è reso necessario il trasporto in ospedale. Le patologie prevalenti sono state le esotossicosi e quelle di natura traumatica.

Il Prefetto Alessandra Camporota, insieme al Questore Francesco De Cicco, hanno assistito, dalla sala situazioni appositamente allestita presso la sede ANMI di Largo Boscovich (ex ristorante dei marinai) allo svolgersi, nel corso delle ore notturne, delle fasi più salienti dello spettacolo, arricchito anche dai fuochi di artificio. Particolare apprezzamento è stato espresso dal Prefetto per l’attività svolta con dedizione e professionalità da tutte le Forze dell’ordine, compresa la Polizia locale, nonché dalla Capitaneria di porto, dal ROAN (Reparto Operativo Aeronavale della G.d.F.) e dai Vigili del Fuoco, per un totale di circa 250 uomini impiegati, con la presenza di alcune unità cinofile. Analogo apprezzamento,  con una visita in loco,  è stato manifestato nei confronti del lavoro effettuato con competenza e passione  dalla Croce Rossa Italiana, con un totale di più di  100 volontari, con varie professionalità, sotto il coordinamento del Servizio Emergenza del 118.

Scroll Up