Home > Cronaca > Rimini Nord: in ztl si entra anche in moto

Rimini Nord: in ztl si entra anche in moto

Parco del Mare Nord: via libera al transito dei ciclomotori e dei motoveicoli all’interno dello ZTL. La decisione è stata presa dal Comune di Rimini “per favorire l’accessibilità al waterfront e, allo stesso tempo, per semplificare gli spostamenti delle persone che si muovono sulle due ruote”. La Giunta comunale ha approvato la delibera di aggiornamento sulla regolazione dello ZTL dell’area del Parco del Mare Nord per permettere a chi usa il ciclomotore o un motoveicolo di accedere con più semplicità agli stabilimenti balneari e di ‘attraversare’ il lungomare.
Con le modifiche approvate, infatti, l’orario di vigenza della Zona a Traffico Limitato compreso tra via Sante Polazzi (inclusa) e via XXV Marzo 1831 è stato circoscritto alla sola fascia oraria 20-24. Tuttavia, per facilitare scooteristi e motociclisti, viene autorizzato il transito dei ciclomotori e dei motoveicoli all’interno della ZTL del Parco del Mare Nord ad eccezione della sera dalle 20 alle 24 su tutto il lungomare. In questa fascia oraria è infatti proibito il transito nei tratti compresi tra via Tolemaide e viale Proteo, tra via Grazia Verenin e viale XXV marzo 1831 e tra viale Adige e via Longarone.
Inoltre, con la nuova delibera, sono state approvate anche alcune modifiche al Regolamento di rilascio dei permessi in ZTL e APU per quanto riguarda le strutture ricettive e chi in quelle zone ha il domicilio, seconde case o esigenze legate all’entrata e uscita dagli istituti scolastici.
Più nel dettaglio, per il rilascio dei permessi denominati “domiciliati” avviene solo in base ai requisiti: assenza di persone residenti nell’unità immobiliare e contemporanea proprietà o comproprietà dell’immobile ovvero presenza di contratto regolare di affitto o comodato d’uso dell’immobile della durata di almeno 60 giorni; i permessi per le strutture ricettive i permessi rilasciabili giornalmente sono pari al numero di posti letto a disposizione;  per il permesso delle ‘seconde case’ non si applica la necessità di collegare l’unità immobiliare al posto auto e pertanto i permessi relativi alle unità immobiliari classificate come seconde case costituiscono un permesso a sé stante rispetto a un eventuale permesso per posto auto; per la tipologia ‘accompagnamento scolastico’, invece, considerando che gli orari di ingresso alle scuole possono essere variabili a seconda delle esigenze, risulta necessario garantire una maggiore flessibilità negli orari di autorizzazione per l’accompagnamento da parte dei genitori presso le scuole.
L’amministrazione sta continuando il confronto con i cittadini e i residenti del Parco del Mare Nord, nonchè con chi in quei luoghi ha delle attività. Il prossimo appuntamento è a Viserba il 25 maggio, alle 21, presso la sala parrocchiale. Saranno approfondite alcune questioni specifiche della zona.

Ultimi Articoli

Scroll Up