Home > Primo piano > Rimini, maggiori oneri V Peep. Il governo al lavoro per una soluzione

Rimini, maggiori oneri V Peep. Il governo al lavoro per una soluzione

Si è svolta questa mattina presso l’ufficio legislativo economia del Ministero dell’Economia e delle Finanze una riunione a livello tecnico avente come oggetto il tema dell’affrancazione degli immobili soggetti a edilizia convenzionata e sovvenzionata alla presenza del capo di esponenti dell’Anci e di dirigenti del Comune di Rimini, invitati da Anci.

I tecnici del Mef, nel contesto di una serie di audizioni sul tema, hanno ascoltato il caso specifico del territorio comunale di Rimini e le ipotesi di risoluzioni su una questione che riguarda circa 3000 famiglie.

“Da parte del Ministero – spiega Emma Petitti – è stata ribadita la volontà di procedere rapidamente a giungere a un testo che, dopo una opportuna fase di ascolto di tutti i soggetti investiti, garantisca una soluzione eliquibrata, equa e risolutiva. Per spingere per una soluzione il viceministro dell’economia, Antonio Misiani, che mi ha confermato proprio nell’incontro di ieri, (Giovedì 16) a Riccione la volontà del Governo di trovare una soluzione. Si tratta di una vicenda che sta andando avanti da anni. Riguarda i maggiori oneri per gli espropri (come è successo per gli altri Peep realizzati nel comune di Rimini) ed il costo per passare dal diritto di superfice al pieno diritto di proprietà ed alla possibilità di alienare il singolo appartamento. In questo caso il conteggio del Comune di Rimini, per una diversa applicazione delle leggi nazionali, ha portato ad un incremento considerevole dei costi a carico dei proprietari. Quando ero parlamentare aveva provato con un emendamento alla legge finanziaria del 2014 di ridurre i costi per i proprietari del 50%. Proposta bocciata dalla Corte dei Conti. Ora il nuovo tentativo del ministero dell’economia”.

Scroll Up