Home > Eventi Cultura e Spettacoli > Rimini per Fellini, Gnassi: “Il 20 gennaio di ogni anno sarà la Giornata dell’Immaginazione”

Rimini per Fellini, Gnassi: “Il 20 gennaio di ogni anno sarà la Giornata dell’Immaginazione”

“Fellini ci ha insegnato che ‘tutto si può immaginare’, per questo, il 20 di gennaio di ogni anno, premieremo, nell’ambito de “La settima arte”, uomini e donne che, nel mondo, sono riuscite a immaginare qualcosa di nuovo. Ne stiamo ragionando in questi giorni con Confindustria”. Questo l’annuncio del Sindaco Andrea Gnassi in occasione della presentazione de “La settima Arte”, la tre giorni di festa del cinema, declinata dal punto di vista dell’industria e della produzione, che si svolgerà dal 3 al 5 aprile prossimi, organizzata da Confindustria Romagna, dal cinema Fulgor e dall’Università di Bologna.

Un’edizione, quella di quest’anno, inserita all’interno delle celebrazioni di Fellini100, che racconterà l’industria e le professioni del cinema attraverso il rapporto con le altre realtà intellettuali e culturali: cinema/architettura, cinema/cibo; cinema/fumetto, cinema/letteratura, cinema/moda, cinema/musica, cinema/giornalismo; cinema/teatro.

Tre giorni di eventi, incontri, masterclass, proiezioni e anteprime, tutti gratuiti, che si chiuderanno al teatro Galli con la cerimonia di consegna del premio “Cinema e Industria”. Il premio viene attribuito alle figure che si sono distinte nell’universo delle professioni del settore, come produttori, distributori, sceneggiatori, scenografi, costumisti, compositori, direttori della fotografia scelti da una giuria di esperti presieduta da Pupi Avati.

Al centro dell’edizione 2020, nel centanario felliniano, saranno vari i momenti dedicati al grande maestro.

A partire dall’immagine scelta: Fellini dietro la sua macchina da presa, che dirige in Amarcord la scena del passaggio del Rex, nella notte di una Rimini immaginaria anche se mai citata direttamente, fissando un momento diventato parte indelebile della storia del cinema. 

A celebrare il maestro durante la Festa sarà anche la mostra “Fellini 100. Genio Immortale” la cui permanenza a Rimini sarà prolungata fino al 13 aprile. 

Sarà inoltre presentato il progetto ideato da Igort, uno dei massimi e più stimati autori italiani, che ha colto l’invito del comune di Rimini e della Festa del Cinema per raccontare Fellini nel rapporto cinema/illustrazione e fumetto. Igort, che quest’anno è approdato anche al cinema con “5 è il numero perfetto”, sarà dunque un ospite importante anche per parlare con il pubblico di Fellini, cinema e disegno, fumetto e cultura popolare. Il progetto, i cui dettagli saranno resi noti nelle prossime settimane, prevede il coinvolgimento di altri grandi fumettisti nazionali.

Nell’ambito di cinema e musica sarà presentato in anteprima nazionale il progetto Casanova/Pinocchio di Roberto Paci Dalò, un mix tra Casanova di Fellini e Pinocchio di Collodi. 

Per cinema e teatro si apre la collaborazione fra La Settima Arte Cinema e Industria e Santarcangelo dei Teatri con la partecipazione della compagnia Motus che interverrà alla festa presentando la loro idea ed esperienza di commistione di generi artistici. 

Grande attenzione alla formazione con incontri e masterclass dedicate ai professionisti di diversi ordini. Spazio ai giovani ed ai più piccoli con eventi dedicati ai vari generi e che vedranno il coinvolgimento delle scuole del territorio. 

Si conferma lo spirito corale della manifestazione. Gli eventi in programma sono infatti realizzati in collaborazione con vari partner culturali: Biblioteca Gambalunga di Rimini, Cineteca di Rimini, Cineteca di Bologna, Amarcort, Cartoon Club, Fondazione e Ordine dei Giornalisti dell’Emilia Romagna, Fice, Galleria Primo Piano, Giometti Cinema, Istituto Luce – Cinecittà, Mare di Libri, Meclimone Produzioni, Ordine degli Architetti di Rimini, Santarcangelo dei Teatri, UniRimini. 

La Settima Arte Cinema e Industria anche nel 2020 avrà uno svolgimento itinerante in vari luoghi della città: Teatro Galli, Castel Sismondo, Museo della Città, Cineteca di Rimini, Biblioteca di Rimini, Campus di Rimini, Cinema Fulgor, Cinema Teatro Tiberio, Cinemagister, Multiplex Le Befane Giometti Cinema, Galleria Primo Piano.  

La Settima Arte – Cinema e Industria 2020 è patrocinata da Anica, Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, Provincia di Rimini, Regione Emilia Romagna. 

È realizzata grazie al sostegno dei main sponsor Vulcangas, Riviera Banca, Costa Edutainment, Valpharma International e con il contributo di Focchi Group, Pesaresi Giuseppe, Pollini, Vici & C.

Partner tecnici: Duomo Hotel, Webit, Agenzia Gambarini & Muti che ha realizzato il progetto grafico per la realizzazione dell’immagine 2020.

Crediamo fortemente che lavorando insieme, con un’idea di crescita culturale della città e del territorio, si possano raggiungere risultati importanti – spiegano gli organizzatori della manifestazione – Il successo della prima edizione de La Settima Arte – Cinema e Industria ha dimostrato, in pieno spirito felliniano, che l’immaginario, il sogno, lo spirito visionario possono portare a risultati concreti ed importanti. La seconda edizione della Festa del Cinema vuole confermarsi come momento di incontro dedicato all’industria del cinema e alle arti, con un programma di eventi gratuiti per tutti: esperti, addetti ai lavori, cittadini e turisti. Un progetto di condivisione che coinvolge aziende, università, istituzioni, enti, partner culturali che, in occasione di questa anticipazione, cogliamo l’occasione di ringraziare per avere deciso di affiancarci e sostenerci. Insieme possiamo rendere il nostro territorio sempre più creativo ed attrattivo a livello internazionale”.  

Sarà senza dubbio un’edizione speciale, nell’anno del centenario del Maestro del cinema riminese, al centro di celebrazioni e omaggi in tutto il mondo – commenta Andrea Gnassi Sindaco di Rimini – Una figura, quella di Federico Fellini, che si è confermata essere un simbolo dell’arte cinematografica e che ha acceso i riflettori internazionali su Rimini quale centro artistico e culturale. Sviluppando la chiave del “tutto si immagina”, stiamo dando vita ad un ‘compleanno lungo un anno’ che celebra un genio immortale, anche esaltando il processo creativo che lo ha reso tale. Attraverso questa rassegna diamo ulteriore risalto a chi a chi traduce l’idea in segno tangibile, a chi trasforma il sogno e l’immaginario in realtà. La relazione con ‘Settima Arte’ è viva, sinergica, intrecciando le scelte su Fellini e il suo Museo con le iniziative di un evento davvero unico nel panorama artistico nazionale”.

 

 

 

 

 

Scroll Up