Home > Ultima ora politica > Rimini, Petitti: “La Sanità in Regione è vicino casa”

Rimini, Petitti: “La Sanità in Regione è vicino casa”

Per i riminesi la sanità è vicina a casa: 83 su 100 si curano nelle strutture della provincia.
Qualità e livelli di assistenza attirano pazienti da altri territori, fuori regione e dall’estero: sono il 35%.

Un dichiarazione di Emma Petitti, assessore al Bilancio della Regione Emilia Romagna:

Più di 83 riminesi su 100 scelgono di curarsi nelle strutture sanitarie della nostra provincia, percentuale che sale al 90% se si considera l’intero territorio dell’Ausl Romagna. Non godono di livelli di assistenza sanitaria altrettanto elevati, invece, quegli italiani che, come mostra il rapporto dell’Università Bocconi pubblicato oggi dagli organi d’informazione nazionali, sono costretti ai “viaggi della speranza” per avere ricoveri e ricevere cure in regioni differenti dalla propria. Alcuni di loro arrivano proprio a Rimini: circa il 21% dei pazienti che si curano negli ospedali della nostra provincia provengono da altri territori; il 14% proviene da fuori regione o dall’estero.

Si tratta di un’ulteriore conferma della qualità del sistema sanitario dell’Emilia-Romagna e della capacità che questa Regione ha di assicurare le prestazioni ai cittadini. Grazie al lavoro svolto in questi anni, abbiamo dato un forte impulso alla qualificazione specialistica della sanità riminese, insieme all’ammodernamento strutturale e tecnologico degli ospedali, che contano complessivamente 850 posti letto. L’evoluzione degli strumenti diagnostico-terapeutici in questi anni ha permesso di migliorare la gestione a domicilio o in regime ambulatoriale di molte patologie (come la cataratta o il tunnel carpale), consentendo ai pazienti di tornare a casa dopo poche ore dall’intervento e di contare su un’efficiente rete di servizi territoriali integrati. Rimini è da sempre una delle realtà in cui si è maggiormente sviluppata l’integrazione dei servizi ospedalieri con quelli territoriali, con la rete dei medici di medicina generale e i Nuclei di cure primarie, particolarmente importanti per i pazienti con malattie croniche come il diabete e patologie dell’apparato respiratorio. E sempre a Rimini è nato il servizio modello che accompagna i pazienti cronici dopo la dimissione ospedaliera, per facilitarne il rientro a casa o in struttura protetta o riabilitativa.

L’Emilia-Romagna – lo dicono ricerche e studi autorevoli – è prima in Italia nel garantire i livelli essenziali di assistenza, per capacità di rispondere ai bisogni di salute della popolazione e per indice di mantenimento dello stato di salute. Vogliamo fare ancora di più, e continueremo a investire sul personale, sulle tecnologie, sui servizi e sulle strutture sanitarie del nostro territorio“.

Scroll Up