Home > LA LETTERA > “Rimini, ponte di Tiberio senza auto ma anche senza alternativa: rischio paralisi”

“Rimini, ponte di Tiberio senza auto ma anche senza alternativa: rischio paralisi”

Spett.Le direttore

Leggo con un po’ di stupore, che dal 24 dicembre sino alla Befana, il ponte di Tiberio sarà chiuso al traffico delle auto. Idea pregevole, mandare in pensione il ponte romano dopo due mila anni di onorato servizio, ma nei fatti vi è il rischio di paralizzare mezza città ed aumentare l’inquinamento in modo consistente.

E’ impensabile, dal mio punto di vista, chiudere il ponte di Tiberio senza la realizzazione di una alternativa. In questo modo tutto il traffico si scaricherà sui vie già ora ampiamente trafficate.

Ma vi è anche un aspetto economico. Nel borgo San Giuliano questa soluzione non sarà indolore. Vi saranno negozi che si vedranno ridurre inevitabilmente gli affari perché i loro clienti faranno percorsi diversi. Gli unici forse a non venire penalizzati potrebbero essere i ristoratori del Borgo vista la dotazione di posti auto. Ma è una magra consolazione rispetto ai problemi che crea una decisione così radicale.

Flavio Buda – Rimini

Scroll Up