Home > Ultima ora cronaca > Rimini, pregiudicato 53enne sotto mix di droghe aggredisce vigili e infermieri

Rimini, pregiudicato 53enne sotto mix di droghe aggredisce vigili e infermieri

Un pregiudicato di 53 anni residente a Misano ha creato il finimondo ieri sera a Rimini, aggredendo vigili, infermieri e, sotto l’effetto delle droghe, sradicando perdfino un cancelletto di un hotel e ferendo una donna. Il tutto mentre in tasca teneva un coltello da 18 centimetri.

L’uomo, M.D. le sue iniziali, verso le 20 vagava a zig zag per Marina centro in sella a suo scooter Honda SH 300 suonando il clackson all’impazzata, ma soprattutto mettendo a rischio l’incolumità di pedoni e altri utenti della strada. E’ stato notato da una pattuglia della polizia locale che lo ha seguito lungo i viali delle Regine quasi fino a Bellariva fino a quando ha potuto fermarlo in sicurezza all’altezza di via Buccari.

Dato lo stato dell’uomo, che aveva affermato anche di essere cardiopatico, gli agenti hanno chiamato il 118. Ma quando l’ambulanza è arrivata e al 53enne è stato chiesto di sottoporsi al controllo dell’etilometro, questi ha reagito violentemente, strappando gli occhiali protettivi all’infermiera, riappropriandosi con la forza della sua patente che un vigile stava controllando e perfino tentando di disarmarne un altro afferrandogli la pistola d’ordinanza.

A questo punto sono giunte di rinforzo altre due pattuglie della polizia locale, mentre una gazzella dei Carabinieri di pattuglia si è fermata per dare man forte.

Ma non era ancora finita. L’uomo stava devastando l’ambulanza ed è stato necessario farlo uscire. Ne ha approfittato per avventrsi come una furia contro un cancelletto di un albergo che è stato letteralmente divelto. Quando una dipendente dell’hotel ha cercato di fermarlo è stata ferita, per fortuna in modo lieve, mentre veniva spintonata contro un muro.

Per immobilizzare e ammanettare l’esagitato a una barella si è dovuti ricorrere allo spray al peperoncino.

Una volta trasportato al pronto soccorso, l’uomo ha continuato dare in esandescenze e a danneggiare tutto quello che gli capitava a tiro e pronunciando frasi scommesse si è anche spogliato completamente. E’ stato così che dalla tasca dei pantaloni è caduto un coltello con una lama lunga 18 centimetri.

Dalle analisi di laboratorio il 53enne è risultato positivo a cannabis, eroina e cocaina. Quando si era ormai fatta mezzanotte, finalmente sedato, è stato dichiarato in arresto per per resistenza e violenza a pubblico ufficiale e porto abusivo di arma atta a offendere. Inoltre è scattata la denuncia a piede libero per aver rifiutato di sottoporsi all’etilometro e guida sotto l’effetto degli stupefacenti. La patente gli è stata ritirata e lo scooter posto sotto sequestro.

Nella mattinata di oggi 23 luglio il Tribunale di Rimini ha convalidato l’arresto e data anche la lunga lista di precedenti e il comportamento oltraggioso e agitato del misanese, continuato anche davanti al magistrato, è stata disposta la misura cautelare dell’arresto domiciliare.

Ultimi Articoli

Scroll Up