Home > Primo piano > Rimini: reati ancora in calo, crollano i rifugiati

Rimini: reati ancora in calo, crollano i rifugiati

Reati in calo del 12,9% e stranieri accolti nei centri di accoglienza diminuiti di oltre il 27%, dato quest’ultimo più altro in regione. Sono i dati relativi alla provincia di Rimini forniti dal ministero dell’Interno.

Secondo il monitoraggio del Viminale, in Emilia Romagna nei primi mesi 2019 i reati sono in calo dell’8,2% rispetto al primo trimestre di un anno fa. In particolare: Bologna -12,8%, -0,2% a Ferrara, -20,4% a Forlì-Cesena, -9% a Parma, -3,8% a Piacenza, -8,6% a Ravenna, -2,7% a Reggio Emilia, -11,9% a Rimini. Modena invece segnala +5,6%. Un trend che prosegue da anni in tutta Italia e che riguarda soprattutto i crimini più gravi: praticamente spariti i sequestri di persona a fini di estorsione e il terrorismo politico, drastico calo delle rapine a mano armata.

Sempre meno anche gli stranieri ospiti delle strutture di accoglienza. In tutta la regione erano 12.743 al 13 maggio 2018, diventati 10.570 al 13 maggio 2019 (-17,05%): a Bologna -3,98%, -26,61% a Ferrara, -22,42% a Forlì Cesena, -12,46% a Modena, -21,90% a Parma, -25,19% a Piacenza, -20,24% a Ravenna, -13,63% a Reggio Emilia, -27,09% a Rimini.

Scroll Up