Home > Ultima ora politica > Rimini, Renzi (FdI): “Tratti 4 e 5 del Parco del Mare senza copertura finanziaria”

Rimini, Renzi (FdI): “Tratti 4 e 5 del Parco del Mare senza copertura finanziaria”

Rimini, 09/12/2022

Comunicato del Consigliere Comunale Gioenzo Renzi Capogruppo Consigliare Fratelli d’Italia interviene sul proseguimento dei lavori al Parco del Mare: 

Il progetto Parco del Mare prevede la riqualificazione di tutto il Lungomare Sud di Rimini nei seguenti 9 tratti: 1 Fellini-Kennedy, 2 Kennedy-Tripoli, 3 Tripoli-Pascoli, 4 Pascoli-Firenze, 5 Firenze-Gondar, 6 Murri, 7 Marebello-Rivazzurra, 8 Spadazzi, 9 Spadazzi-Bolognese.

Fino ad ora, dal 2016, sono stati realizzati, o in corso di completamento, i tre tratti del lungomare dalla rotonda Fellini a Piazzale Pascoli, e il tratto del lungomare Spadazzi (a Miramare). Il precedente lungomare carrabile è stato trasformato in uno spazio urbano di qualità, con mobilità pedonale e ciclistica, ma è emersa la necessità di parcheggi per auto, moto e cicli.

Nell’agosto dell’anno scorso, la Giunta Comunale ha approvato, il progetto definitivo/esecutivo dei restanti tratti di lungomare 4-5-6-7-9; la relativa spesa di progettazione di 1.111.111 euro, è stata coperta con i finanziamenti di 1.000.000 di euro dello Stato e 111.111 euro del Comune.

La Giunta Comunale, però, ha deliberato gli interventi di riqualificazione solo dei tratti 6 (lungomare Murri), 7 (Marebello-Rivazzurra), 9 (Spadazzi-Bolognese), con la spesa complessiva di 20.000.000 di euro, finanziata dallo Stato.

I rimanenti tratti: 4 (Pascoli-Firenze) e 5 (Firenze-Gondar), con costo previsto di 18.000.000 di euro, non sono stati finanziati e rinviati alle future programmazioni del Comune.

Ritengo importante la realizzazione del lungomare da Bellariva a Miramare, una delle zone più degradate della nostra città, ma è altrettanto opportuno dare continuità ai lavori di riqualificazione nei tratti tra Pascoli e Gondar.

Per queste ragioni, con l’interrogazione consigliare di martedì scorso, ho chiesto di non interrompere la riqualificazione del lungomare e di reperire, al più presto, i finanziamenti pubblici per proseguire nei tratti 4 e 5, che non risultano neppure previsti nei Piani Triennali dei Lavori Pubblici.

L’Amministrazione Comunale, non può giustificare i suddetti rinvii per l’esecuzione dei lavori “sotterranei” legati al PSBO, quando questi, riguardano la realizzazione di vasche di laminazione alla Fossa Rodella e Colonnella 2, che insistono nei tratti tra Bellariva e Rivazzura, oggetto degli interventi già approvati.

E’ opportuno rendere noto che il prossimo anno, 2023, non verrà riqualificato nessun nuovo tratto del lungomare:

  • I tratti 6-7-9, seppur deliberati, nel 2023 verranno semplicemente messi a Bando, e l’avvio lavori è previsto nel 2024;
  • Non sappiamo se e quando verrà deliberata e pianificata la riqualificazione dei tratti 4-5 (Pascoli-Gondar);

Alla nostra richiesta, l’Amministrazione Comunale non ha risposto entro quale anno saranno ultimati i 5 tratti del lungomare ancora da realizzare!

In base a questi presupposti, per la riqualificazione completa del lungomare, non basteranno i 5 anni di mandato del Sindaco Sadegholvaad, che scade nel 2026 (dopo il mandato del Sindaco Gnassi).

Ritengo, inoltre, opportuno evidenziare, come già più volte attenzionato, che la riqualificazione dei tratti di lungomare non può prescindere dalle dotazioni di parcheggi per auto, moto e cicli, lungo tutto il percorso.
L’Amministrazione dichiara che nel 2023 inizieranno i lavori del parcheggio Tripoli, ma che fine hanno fatto il parcheggio Fellini ed altri?

Inoltre, l’Amministrazione Comunale non può più rinviare la riqualificazione urbana e architettonica dell’area “Marina Centro”, dal 2017 in proprietà al Comune: il cosiddetto “Triangolone”, compreso tra Viale Colombo, Lungomare Tintori, Largo Boscovich, Piazzale Fellini, che rappresenta il tratto principale, storico e identitario del nostro lungomare, dalla rotonda del Grand Hotel al Porto e per il quale non è ancora stato approvato alcun progetto.”, conclude Renzi.

  

Ultimi Articoli

Scroll Up