Home > Ultima ora politica > Rimini, sindacati chiedono al Comune garanzie per maestre dei centri estivi

Rimini, sindacati chiedono al Comune garanzie per maestre dei centri estivi

Le organizzazioni sindacali FP CGIL Rimini, FP CISL Romagna, UIL FPL Rimini fanno il punto della situazione sull’apertura dei centri estivi a Rimini ritenendo necessario un “accordo sindacale ora e il contratto integrativo poi”.

“Mercoledì 10 giugno è stato l’ultimo giorno di attività relativo al progetto Io e Tech, ideato dal Comune di Rimini per far fronte nelle scuole dell’infanzia al periodo di emergenza Covid-19 – spiegano riassumendo gli incontri intercorsi tra le diverse realtà -. Dal 22 giugno verrà invece attivato il servizio di Centro Estivo comunale 3-6 anni le cui modalità organizzative sono state illustrate lunedì 8 giugno dall’assessore Mattia Morolli alle Organizzazioni Sindacali e alle RSU e oggi 12 giugno a tutto il personale educativo e insegnante del Comune di Rimini. Tra queste due date si è svolta in videoconferenza l’assemblea sindacale organizzata dalle Organizzazioni sindacali di categoria CGIL CISL UIL”.

“Dall’11 giugno è stata interrotta l’autorizzazione al lavoro agile e tutto il personale è stato collocato in ferie/permessi fino all’apertura dei Centri Estivi continuano i sindacati riassumendo le richieste del Comune -. A questo proposito l’Amministrazione Comunale chiede al personale educativo e insegnante di essere impegnato a rotazione per 4 settimane al 22 giugno al 31 agosto nei Centri Estivi comunali. Complessivamente si tratta di 180 bambini divisi in 6 Centri di cui 4 gestiti dalla Cooperativa Millepiedi e 2 direttamente dal Comune. Ogni Centro ospiterà 30 bambini suddivisi in gruppi di 5 con 1 educatore ogni 5 bambini”.

Ed ecco che arrivano le richieste sindacali: “Sostanzialmente tutto il personale educativo e insegnante ha dichiarato la propria disponibilità rispetto alle richieste del Comune facendo rilevare però i tempi stretti per definire e organizzare la propria attività in questo lavoro frontale che avrà caratteristiche diverse dalla “normale” didattica. Altro problema evidenziato in assemblea, e da risolvere, è che tante lavoratrici hanno a loro volta dei figli che ora non potrebbero più iscrivere ai Centri Estivi perché le graduatorie sono chiuse. Infine c’è il tema della sicurezza e la richiesta di conoscere il protocollo che il Comune intende adottare.
Sul piano più strettamente sindacale le Organizzazioni di categoria chiedono che il piano che verrà adottato nei prossimi mesi sia strettamente legato alla pandemia e formalizzato in uno specifico accordo, con l’impegno ad aprire un confronto per giungere alla sottoscrizione del contratto integrativo di secondo livello”.

 

Ultimi Articoli

Scroll Up