Home > Ultima ora politica > Rimini, Sinistra Italiana: “Nelle dichiarazioni di Zoccarato la banalità della bestialità e il semplicismo razzista”

Rimini, Sinistra Italiana: “Nelle dichiarazioni di Zoccarato la banalità della bestialità e il semplicismo razzista”

Un comunicato di Fortunato Stramandinoli, coordinatore provinciale Sinistra Italiana Rimini, Sinistra Italiana Rimini in seguito alle ultime dichiarazioni del consigliere leghista Zoccarato:

La banalità della bestialità, il semplicismo razzista, il disprezzo nei confronti dei poveri, la disumanità, c’è tutto questo nelle dichiarazioni di Zoccarato e nel suo rivendicare i provvedimenti che per effetto del nuovo decreto insicurezza si potranno applicare d’ora in avanti. Certamente Zoccarato e tutti coloro che credono che questa stretta possa “risolvere piaghe” non ci sembra che si ponga domande, applica il loro semplicismo andando a parare sui soliti slogan ai quali è necessario però non abituarsi. Cosi com’è fondamentale avere ben presente che questa deriva disumana ha diversi padri, che questa stretta arriva dopo che le politiche portate avanti anche dal PD hanno aperto la strada, contribuendo alla disumanità, alla guerra contro i poveri, al razzismo e all’abbandono istituzionale ormai dilaganti. Come se si potesse giocare con la vita delle persone esulta per la possibilità di mettere in carcere chi, abbandonato da tutto e tutti, si ritrova ai margini e magari prova a cercare di sopravvivere, senza fare del male a nessuno. Il vero problema è la continua guerra contro i poveri, soprattutto negli ultimi anni è stata portata avanti una concezione distorta che ha creato il parallelismo poveri-degrado, facendo poi pensare che la soluzione sia quella di “eliminare” le persone in estrema povertà dalla vista della cittadinanza risolvendo il problema. Il vero degrado civile è combattere i poveri e non la povertà, il vero problema è continuare a credere che le cose si risolvano con sanzioni, daspo e carcere, senza concentrarsi davvero sul tema che è quello della povertà estrema e dell’abbandono istituzionale che proprio anche questo nuovo decreto insicurezza va ad alimentare. Un abbandono istituzionale, che in piena continuità rispetto al precedente decreto firmato Minniti-Orlando non affronta il problema reale, bensì lo alimenta e cerca di aggirarlo con gli strumenti figli di una concezione esclusivamente legalitaria della sicurezza. Se vogliamo che le persone non siano costrette a stare per strada dobbiamo metterle al centro dei ragionamenti, costruendo politiche sociali inclusive che rispondano ai bisogni primari degli essere umani, lavorando così sulla strada della sicurezza sociale che è l’unica concezione di sicurezza in grado di arginare la disumanità dilagante”. 

Fortunato Stramandinoli

coordinatore provinciale Sinistra Italiana Rimini

Scroll Up