Home > Ultima ora Attualità > Rimini, successo per “Un cappelletto per la Mila”. Raccolti più di 8000 euro

Rimini, successo per “Un cappelletto per la Mila”. Raccolti più di 8000 euro

Ma lo spirito del Natale dove è finito? Difficile dirlo di questi tempi ma a volte succede – ancora – che, evocato, cercato e bistrattato, torni a manifestarsi e a farlo in pompa magna. Ed è successo anche a Rimini, ieri in Vicolo San Giovanni, per la terza edizione dell’iniziativa “Un cappelletto per la mila”, organizzato da Diego Urbinati e Tommaso Della Motta, che nel borgo ha aperto le porte di casa sua a tutti.

Ai dj e ai musicisti che hanno suonato nel bagno, dalla finestra, o addirittura dal letto, ma soprattutto ai tanti riminesi che nel tardo pomeriggio dell’ultima domenica prima di Natale hanno deciso di passare, lasciare un contributo in beneficienza per un giusta causa, quella sposata da Arop che da tempo supporta il reparto di Oncoematologia dell’Ospedale Infermi di Rimini. E che per l’occasione hanno sorseggiato un bicchiere di buon vino e mangiato un piatto di ottimi cappelletti. Ne erano stati preparati 10.000. E in tanti hanno risposto all’appello, tanto che più di 8.000 euro saranno devoluti ad Arop. L’avventura era partita qualche anno fa, quando Della Motta e Urbinati hanno organizzato la prima edizione per ricordare la loro piccola amica, Mila.

 

 

Come scrive Davide Cardone, che come tanti ha aiutato i due organizzatori a rendere possibile questa bella iniziative. “Una porta si apre. Degli amici si raccolgono attorno a un’idea di solidarietà e, all’improvviso, quella sensazione di chiusura che avverti continuamente nelle tue giornate, dal TG del mattino al parcheggio che ti lasci dietro la sera, svanisce. Se lo chiedi a Tommy, a Diego e a tutti gli amici che li hanno seguiti, non hanno fatto niente di che. Han chiuso dei cappelletti, stappato qualche bottiglia in compagnia, messo su della musica, lasciato una porta aperta”.  

E all’evento di ieri non hanno voluto far mancare il loro sostegno il sindaco di Rimini Andrea Gnassi e anche il vescovo Francesco Lambiasi. Non hanno voluto mancare all’appuntamento neppure i ragazzi e lo staff della Rbr Basket Rimini, di ritorno dal Palazzetto dello Sport, dopo aver battuto il Piacenza secondo in classifica.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ultimi Articoli

Scroll Up