Home > Ultima ora cronaca > Rimini, tre minorenni svaligiano officina. Presi, “andavamo a giocare alla Playstation”

Rimini, tre minorenni svaligiano officina. Presi, “andavamo a giocare alla Playstation”

A Rimini erano le tre e mezza di questa notte quando l’attenzione dei poliziotti in pattuglia è stata attirata dai movimenti sospetti di tre giovani riminesi che stavano transitando su via dei Gracchi. Alla vista della volante, i ragazzi, due diciassettenni ed un quindicenne, si sono dati alla fuga abbandonando una valigia di grandi dimensioni in strada.
Immediatamente i poliziotti si sono posti all’inseguimento del terzetto, che ha cercato di dileguarsi con ciascuni che correva in direzioni diverse e scavalcando recinzioni.

Uno dopo l’altro i giovani sono stati raggiunti dagli agenti intervenuti e da quelli accorsi in loro ausilio.
Il primo ad essere raggiunto, uno dei due diciassettenni, ha cercato di opporre resistenza, fino a che, ormai vistosi scoperto, non ha potuto che arrendersi.

Il ragazzo, nel maldestro tentativo di giustificare la propria fuga ha raccontato di essersi spaventato alla vista dei poliziotti in quanto in strada di notte nonostante il coprifuoco Alla improbabile scusa si è aggiunta quella di stare aspettando un amico per dirigersi poi a casa di quest’ultimo per un torneo di playstation.

Una volta trovati anche gli altri due giovani i poliziotti hanno aperto la valigia, scoprendo all’interno della stessa materiale proveniente da un’officina. Gli equipaggi della Polizia di Stato, conoscendo l’esistenza appunto di un’officina vicina al luogo dell’intervento, ossia in via Flaminia, hanno dedotto che la refurtiva provenisse da.lì

Infatti era proprio così e il titolare ha sporto denuncia e riconosciuto il materiale che gli era stato derubato.
Nella valigia sono stati trovati prodotti per diverse centinaia di euro compresi filtri aria per veicoli, flaconi di olio per autovetture, flessibili e trapani.

I tre minori sono stati denunciati per ricettazione, sanzionati per aver violato la normativa Covid e affidati ai genitori, mentre il titolare dell’officina è ritornato in possesso di quanto gli era stato rubato.

Ultimi Articoli

Scroll Up