Home > Ultima ora cronaca > Rimini, ubriaco e drogato minaccia di morte la sorella con coltello da macellaio

Rimini, ubriaco e drogato minaccia di morte la sorella con coltello da macellaio

Ubriaco e drogato, litiga con la sorella e la minaccia di morte con un coltello da macellaio, per poi scatenare una colluttazione con il padre  che tentava di disarmarlo. Ieri pomeriggio, la Polizia di Stato di Rimini ha per questo tratto in arresto un uomo di 39 anni, riminese, per il reato di maltrattamenti in famiglia.

Verso le 17:25 di ieri una ragazza aveva ha chiamato la polizia: il fratello, sotto effetto di alcool e di stupefacenti, aveva impugnato un coltello e stava minacciando tutta la famiglia.

Quando la volante è arrivata presso l’abitazione ha trovato fuori dal cancello la madre e la figlia, scosse e spaventate.
La discussione è nata dopo pranzo, quando il fratello ha chiesto un favore alla sorella, che lei non ha eseguito. A questo punto il fratello ha dato in escandescenza, cominciando ad insultarla, spintonarla e minacciarla con frasi tipo: “STRONZA, TI AMMAZZO”.

Il ragazzo ha impugnato un grosso coltello da macellaio, tenendolo all’altezza della cintura e si è diretto verso la stanza della sorella, minacciandola ancora una volta con la frase “TI AMMAZZO”. A questo punto è intervenuto nuovamente il padre che, nel tentativo di difendere la sorella, si è scagliato contro il figlio e lo ha disarmato allontanando l’arma. Durante questa colluttazione il fratello ha colpito con un calcio l’anta della persiana della finestra facendola fuoriuscire dai cardini e cadere a terra.

Quando i poliziotti sono entrati nell’abitazione hanno trovato davanti ai loro occhi la seguente scena: il padre a cavalcioni sulla schiena del figlio, quest’ultimo steso a terra a pancia in giù, un disordine generale nell’abitazione. Con non poca fatica gli agenti sono riusciti ad immobilizzare il ragazzo e ad accompagnarlo in Questura.

L’uomo, già noto per i numerosi episodi di violenza e di aggressività nei confronti non solo della sorella ma di tutta la famiglia, in attesa della convalida dell’arresto, verrà tradotto nella locale Casa Circondariale.

Ultimi Articoli

Scroll Up