Home > Eventi Cultura e Spettacoli > Rimini: venerdì il filosofo Flavio Cuniberto. “La croce e la gloria. Francescanesimo e pittura del Trecento”

Rimini: venerdì il filosofo Flavio Cuniberto. “La croce e la gloria. Francescanesimo e pittura del Trecento”

Sarà Flavio Cuniberto, dell’Università di Perugia, a chiudere venerdì il ciclo di conferenze che affianca la mostra “L’Oro di Giovanni. Il restauro della Croce di Mercatello e il Trecento Riminese”, in corso a Palazzo Buonadrata con ingresso gratuito fino al 7 novembre.

Venerdì 29 ottobre alle 18, nel salone di Palazzo Buonadrata, si svolgerà la terza conferenza, dal titolo ‘La croce e la gloria. Francescanesimo e pittura del Trecento’. Flavio Cuniberto, filosofo e scrittore è docente di Estetica all’Università di Perugia.

L’iconografia del Crocifisso – anticipa Flavio Cuniberto – è il tema più delicato dell’iconografia cristiana, perché è una sfida ai limiti dell’impossibile: come rappresentare la morte in croce di un uomo-dio, che resta un uomo-dio anche se appeso alla croce. L’arte medievale affronta questo tema impossibile con una straordinaria varietà di soluzioni: anche nell’iconografia del Christus patiens, sofferente-agonizzante, il momento glorioso (la regalità di Cristo) viene alluso ad esempio con l’espediente del tabellone policromo, simile spesso a un tappeto, e perciò a un giardino, al giardino edenico che il Crocifisso «riapre». Nel caso specifico dell’iconografia francescana, il passaggio dal Cristo vivo al Christus patiens è però il frutto di un equivoco che ha le sue radici nella misteriosa ambivalenza del Santo stigmatizzato: alter Christus, la cui esperienza attesta una gioia che si sprigiona dalla croce (le stimmate sono la croce di Francesco). La Croce e la Gloria non si possono dissociare”.

Gli orari consentono, prima delle conferenze, la visita guidata gratuita alla mostra. Entrambe vanno prenotate sulla pagina web dedicata alla mostra – www.artecultura-fondcarim.it – o telefonando al numero 0541 351611. Posti disponibili fino ad esaurimento nel rispetto delle normative anti Covid.  L’ingresso alla mostra, aperta tutti i giorni dalle 10.30 alle 18.30, è libero, previa presentazione del green pass.

Le visite guidate gratuite sono in programma ogni giorno alle 16 e alle 17. Il sabato e la domenica anche alle 11.

Alla Croce di Mercatello, in mostra si affiancano la croce dipinta da Giovanni per la chiesa di San Lorenzo a Talamello, il più piccolo crocifisso ‘Diotallevi’, sempre di Giovanni, dei Musei Comunali di Rimini, la croce sagomata dell’Antiquario Moretti di Firenze, il crocifisso Spina del maestro di Montefiore e la testa di Cristo di Giuliano da Rimini, questi due ultimi di proprietà della Fondazione stessa e in deposito nei Musei Comunali.  

La mostra è promossa da Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini e da Soroptimist Rimini, e organizzata dall’Istituto Superiore di Scienze Religiose A. Marvelli. Oltre a Crédit Agricole e Associazione tra Fondazioni di origine bancaria dell’Emilia-Romagna, sostengono l’evento anche Fondazione Ordine dei Commercialisti Rimini, Digitalprint e Ikuvium. I patrocini sono della Regione Emilia-Romagna, del Servizio Patrimonio culturale regionale, e del Comune di Rimini.

Ultimi Articoli

Scroll Up