Home > Ultima ora Attualità > Rimini: i Vigili aumentano i controlli per guida in stato di ebrezza. Raddoppiate le multe

Rimini: i Vigili aumentano i controlli per guida in stato di ebrezza. Raddoppiate le multe

E’ un impegno crescente, quello che ha visto impegnata la Polizia Locale nei primi sette mesi del 2019 per il contrasto all’uso di alcol durante la guida. Al 17 luglio 2019 sono stati infatti 1898 i controlli effettuati dagli uomini e le donne della Polizia Locale riminese, con un totale di 113 sanzioni (109 per guida sotto l’effetto di alcol, 4 di droga). Numeri in aumento rispetto all’analogo periodo del 2018, quando i controlli si erano fermati a 1123 e le multe totali, a fine 2018, erano state 127.

Entrando nello specifico delle sanzioni, sono state 113 le multe effettuate nel 2019 relative all’articolo 186 – che sanziona la guida in stato di ebbrezza alcolica, con la seguente suddivisione:

sanzione amministrativa pecuniaria: 46 (60 il totale dei 12 mesi del 2018);

sanzione penale: 63 (64 il totale dei 12 mesi del 2018);

4 (3 il totale dei 12 mesi del 2018) invece le sanzioni relative all’articolo 187, che sanziona la guida in stato di alterazione psicofisica per uso di sostanze stupefacenti con sanzione penale.

Si tratta di controlli  costanti, svolti durante tutto l’anno, intensificati durante il fine settimana e con una copertura anche serale e notturna. Emerge un fenomeno con un impatto trasversale senza una particolare distinzione di genere, o età, o professione. Sono giovani e anziani, uomini e donne, impiegati o professionisti, coloro che non superano la prima fase di pre-test per poi risultare positivi alle due prove che, a distanza di 10 minuti l’una dall’altra, vengono successivamente effettuate dagli operatori.

Normalmente il conducente di un veicolo non deve superare lo 0,5 g/l di tasso alcolemico, ma scende allo 0,00 g/l per alcune categorie come i conducenti professionali (autonoleggio con conducente o taxi) per i quali vige il divieto assoluto di bere alcolici, anche in minima quantità. Per tutti gli altri, se trovati positivi, le sanzioni sono severe e partono dalla sospensione della patente, 10 punti di decurtazione con l’aggiunta di una sanzione amministrativa pesante, che raddoppia in caso di incidente stradale (previsto anche il fermo amministrativo del veicolo per 180 gg), per coloro sorpresi alla guida con un tasso alcolemico compreso fra 0,5 e 0,8 g/l, ma che diventa penale già da chi registra un tasso tra lo 0,8 e l’ 1,5 gl. In questo caso la sanzione amministrativa ammenda o arresto, le pene pecuniarie si aggravano ed è anche previsto il sequestro amministrativo finalizzato alla confisca se il conducente è alla guida di un ciclomotore o motociclo. Pene destinate a crescere se il tasso registrato supera 1,5 g/l. Per alcune categorie come i conducenti di età inferiore ai 21 anni o i neo patentati ovvero coloro che hanno conseguito la patente B da meno di 3 anni la sanzione viene ulteriormente inasprita.

Quello della guida sotto effetto di alcol o droghe è un fenomeno preoccupante – commenta dell’assessore alla Sicurezza Jamil Sadegholvaad – che incide in maniera importante sul numero di incidenti. Per questo abbiamo deciso di intensificare in maniera importante i controlli, arrivando a compierne quasi il doppio rispetto l’anno scorso. Un’attività intensa che proseguirà nelle prossime settimane e nei prossimi mesi e che, insieme ai nuovi strumenti di controllo e sicurezza della circolazione, permetteranno di monitorare con più regolarità e maggiore efficacia la sicurezza stradale di tutti”.

Scroll Up