Home > Sport > IL RIMINI VINCE LA PRIMA PARTITA: QUELLA CON IL PUBBLICO

IL RIMINI VINCE LA PRIMA PARTITA: QUELLA CON IL PUBBLICO

Partita la campagna abbonamenti, per il nuovo Rimini è cominciata anche la stagione delle amichevoli.
Amichevoli che ancora sono poco indicative riguardo qualità, tenuta e potenziali ambizioni della squadra in termini di organico.

Il test sostenuto ieri con il San Marino è stato dunque più probante per gli spalti che per il campo.
Vedere oltre 1000 persone – c’è chi dice perfino 1500 – gremire le tribune ha strappato un sorriso agli appassionati, che toccano con mano come la passione non muoia mai: al massimo cova un po’ sotto la cenere.

Tanta gente a Villa Verucchio , tanta gente ieri… Farò da solo l’avvocato del diavolo. va bene, non si pagava.
Il dettaglio non è di poco conto ma, come ho detto anche in merito alla conta degli abbonamenti, non si possono prendere in esame le nude cifre delle presenze in termini esclusivamente numerici o di incassi presunti o mancati.
Sono pronto a scommettere che la maggior parte dei presenti ieri pomeriggio, quando ha messo in agenda la presenza alla partita, non è nemmeno arrivata a leggere l’ultima riga del comunicato, in cui si parlava dell’ingresso omaggio; ha deciso di esserci a priori e non erano i 5 euro – più o meno – dell’ingresso che avrebbe tenuto tanta gente fuori dai cancelli.

Dietro alla maglia a scacchi si snoda un percorso di passione. E gli appassionati sembrano essere pronti ad intraprendere questa avventura “eccellente”.
Ancora si dibatte un po’, ad onor del vero. A volte mi viene chiesto conto dell’ articolo in cui scelsi la serie D a scapito del progetto che adesso caldeggio e a cui ho dato fiducia.
Io rispondo semplicemente che in queste situazioni noi tifosi non dovremmo mai essere assolutisti nelle scelte come nelle esternazioni; rileggendo il mio articolo risalta l’ ultima frase in cui dichiaravo che comunque il Rimini scelto sarebbe stato il mio, senza se e senza ma.

Coerente non è chi a priori non cambia mai idea o scelta. Ritengo coerente chi è capace di correggere il tiro in funzione della realtà e dei fatti di cui viene a conoscenza.
Adesso abbiamo il nuovo Football Club Rimini, abbiamo un progetto da far crescere e nessun appassionato deve sentirsi escluso da questa avventura.

Tornando all’amichevole di ieri ecco il tabellino della gara:
Rimini-San Marino 2-2
RIMINI: Scotti, Cola (1′ st Giua), Gabrielli (1 st Brighi) Righini (1′ st Nanni) Loiodice (19′ st Filippucci), Mani (1′ st Muccioli), Signorini (40′ st Ura), Gasparotto (1 st Valeriani), Cicarevic, Ricchiuti (13′ st Arlotti), Dolcini (1′ st Carnesecchi) . A disp.: Mignani. All.: Mastronicola.

SAN MARINO: Petrisor (23′ st Venturini), Tola (17′ st Zamagni), Nicoli, Bova, Gambini (1′ st Gagliardi), Olivi, Enchisi (23′ st Giunchetti), Buonocunto, Olcese (31′ st Daiu), Baldazzi (23′ st Guidi), Caprioni (1′ st Braccini). A disp.: Fagioli, Frisoni, Bartolucci. All.: Medri.

MARCATORI: 3′ pt Baldazzi, 4′ e 26′ pt Ricchiuti, 22′ pt Buonocunto.

Non è stato della gara Buonaventura arrivato da poco. Vista la sua magia da metà campo e la sua punizione al bacio l’impressione è che il “vecchio” Adrian Ricchiuti sia ancora pronto a farci divertire e parecchio. Anzi, più che un’impressione, una certezza.
L’altra impressione è che al momento tolto Ricchiuti ci sia tanto da lavorare; difficilmente dopo nemmeno 15 giorni una squadra è comunque in grado di produrre gioco e organizzazione, quindi tutto sotto controllo.

Bel pomeriggio in biancorosso dunque, mentre probabilmente il mercato non è chiuso e potrebbe arrivare ancora qualcuno.
Continua la campagna abbonamenti e rinnovo il mio invito a parteciparvi, questa nuova avventura ha bisogno di tutti.
Forza Rimini!

Emanuele Pironi

Ultimi Articoli

Scroll Up