Home > Ultima ora Attualità > RiminiX: “Pugni a omosessuale. E’ colpa dei consiglieri intolleranti e omofobi”

RiminiX: “Pugni a omosessuale. E’ colpa dei consiglieri intolleranti e omofobi”

Emilio Manaò, portavoce Rete RiminiX, protesta per un episodio di intolleranza accaduto lo scorso 5 luglio, durante la Notte Rosa.

Secondo l’agenzia Ansa, un giovane riminese è stato aggredito sul lungomare di Rimini dopo aver baciato il compagno.
E’ successo la sera del 5 luglio durante la “Notte Rosa”, e il fatto – come riporta l’edizione locale del Resto del Carlino – è stato divulgato da Marco Tonti, presidente dell’Arcigay Rimini. Il giovane stava camminando sul lungomare di Marina Centro abbracciato al suo compagno e in compagnia di un gruppo di amici. Quando la coppia si è baciata, un uomo con i “capelli rasati – racconta Tonti – ha colpito e spintonato a terra il giovane e poi è fuggito”. L’aggressore è stato inseguito dagli amici del ragazzo che ha riportato alcune escoriazioni al volto. Dall’Arcigay Rimini è partita una segnalazione alla Questura, mentre l’avvocato Cristian Guidi sta seguendo il riminese per una eventuale querela. Infine Tonti annuncia l’edizione 2019 di Rimini Summer Pride prevista per il 27 luglio e chiede alla Regione Emilia-Romagna di approvare mercoledì la legge contro l’omofobia.

Apprendiamo dalla stampa di un fatto molto grave legato ad un ragazzo che è stato preso a pugni per un bacio gay. Siamo fortemente indignati!!! 

Questo è il risultato dell’accanimento della sedicente destra che ha tutto il sapore invece da parte loro della persecuzione di tipo Stalinista e Che Guevariana.

Come Rete RiminiX esprimiamo piena solidarietà all’omosessuale preso a pugni. 

Diamo la responsabilità indiretta di questo fatto a tutti  quei consiglieri che una volta all’anno si fanno prendere la mano da attacchi isterici misti tra omofobia ed intolleranza. 

Ora basta !!!  Il Prefetto in concomitanza del Summer Pride vieti ogni manifestazione di contrarietà, diversamente dovremmo interpretarla come istigazione all’intolleranza anche da parte del Prefetto. 

Ora ogni comune che Patrocina il Summer Pride si costituisca parte civile ed il comune di Rimini lo faccia in prima persona con poco protagonismo e molta determinazione. 

Dopo questo fatto abbiamo il dovere della massima unità di tutta la comunità nazionale Italiana nella partecipazione al Summer Pride di Rimini. 

In occasione invitiamo i consiglieri di maggioranza  che compongono questa giunta a proporre una mozione per espellere dai vari comuni tutti quei consiglieri intolleranti tra cui i consiglieri Fiori della Lega a Santarcangelo, ed il Consigliere Erbetta di Rinascita dell’Intolleranza altro che civica a Rimini; resta inteso  che si chiede comunque di  produrre con la massima urgenza come risposta a questo grave atto omofobo l’immediato cambio di nome della nuova piazza della Stazione di Rimini che vogliamo intitolata ai Moti di Stonewall della Christhoper Street negli Usa dove cominciarono le prime battaglie di emancipazione. Invitiamo per tanto il Comune di Rimini a Convocare un consiglio comunale urgente ed il Prefetto a discutere del Caso nel Comitato Ordine Pubblico e Sicurezza”.

Emilio Manao’, RiminiX

Scroll Up