Home > Primo piano > Romagna verso la burrasca di San Valentino

Romagna verso la burrasca di San Valentino

L’alta pressione che fino a giovedì 10 ci ha condizionato con un clima nettamente fuori stagione, nell’ultima parte di questa settimana cederà spazio ad una modesta perturbazione che ci raggiungerà tramite l’ingresso di correnti fredde dai Balcani.

L’aria che affluirà a suo seguito consentirà una diminuzione delle temperature, ma pressoché poche saranno le precipitazioni, se non relegate al transito di una maggior nuvolosità tra venerdì sera e le prime ore di sabato. Ma per quanto possa essere fugace e poco organizzato, il fronte nuvoloso nel weekend avrà il compito di ‘bucare’ la cupola aticiclonica fungendo da apripista ad una seconda e più intensa perturbazione che, molto probabilmente, ci investirà tra lunedì 14 e martedì 15.

In questa occasione il peggioramento sembra essere più deciso, e, con una discreta attendibilità, costituirà un netto cambiamento del tempo in Emilia-Romagna: riportando delle piogge più significative e promuovendo un rinforzo della ventilazione.

Sebbene il ‘guasto’ previsto per San Valentino possa temporaneamente restituire i vecchi fasti all’inverno, con qualche spruzzata di neve in Appennino fino a quote collinari, e la possibilità di rovesci temporaleschi tra pianure e coste, il ritorno alla stabilità sarà pressoché rapido da mercoledì 16 e accompagnato da una ripresa delle temperature. Tuttavia bisogna osservare che, dopo questo passaggio perturbato, la circolazione anticiclonica potrebbe perdere un po’ di smalto nei confronti delle umide correnti atlantiche: comportando così, nella terza decade di febbraio, l’alternanza a condizioni apparentemente più dinamiche.

Venerdì 11 febbraio: in prevalenza sereno o poco nuvoloso al mattino, salvo la presenza di foschie e locali nebbie più probabili sulle aree di bassa pianura del ferrarese. Peggioramento nel corso della giornata, caratterizzato da nubi in aumento a partire da ovest e in progressiva estensione a tutta le Regione, associate a deboli piogge sparse dal tardo pomeriggio. Non si esclude in serata qualche fiocco di neve spingersi fin sotto i 1000 metri, ma senza fenomeni di rilievo.

Sabato 12 febbraio: dei residui addensamenti potranno risultare più compatti in mattinata sulle aree appenniniche centro-orientali e sulla Romagna, con deboli fenomeni precipitativi, ma in esaurimento già dalle prime ore. Seguirà un rapido miglioramento con nubi in diminuzione e ampie schiarite, facendo apparire i cieli sereni o al più poco nuvoloso dal tardo mattino. Nottetempo sono attese foschie sulle pianure centro-orientali.

Domenica 13 febbraio: vengono previste delle estese velature in transito su tutta la Regione con un nuovo e considerevole aumento delle coperture in serata a partire dai settori occidentali. Nel corso della notte possibilità di precipitazioni deboli e sparse lungo i crinali appenninici e a carattere localmente moderato sulla bassa Romagna.

Temperature: in successiva diminuzione, più sensibile a fine periodo, con minime che potranno risultare comprese tra -2/-3 gradi sulle pianure emiliane e da -1 a 2 gradi su Romagna e relative aree costiere. Massime in calo fino a 8/9 gradi. Venti: tendenti a disporsi nord-orientali risultando deboli nelle pianure, con locali rinforzi su mare e aree costiere. Mare: poco mosso, ma con moto ondoso temporaneamente in aumento fino a molto mosso.

Roberto Nanni Tecnico Meteorologo Certificato e divulgatore scientifico AMPRO Meteo Professionisti

https://meteoroby.com/ 

Ultimi Articoli

Scroll Up