Home > Ultima ora politica > Rotatorie SS 16, Gnassi: “Bene passo avanti, se Roma non perde tempo cantieri entro estate 2019”

Rotatorie SS 16, Gnassi: “Bene passo avanti, se Roma non perde tempo cantieri entro estate 2019”

Sull’approvazione delle opere di completamento collegate alla realizzazione della terza Corsia dell’Autostrada A14 Tratto Rimini Nord – Cattolica, arriva la dichiarazione  di Andrea Gnassi in qualità di Presidente della Provincia di Rimini:

“Con l’approvazione da parte del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti del progetto esecutivo delle opere di ottimizzazione dell’A14 si fa un ulteriore passo per la
realizzazione di opere che il territorio della provincia aspetta da ormai troppo tempo”.

“Ricordo infatti che è del 2000 il primo accordo sui cosiddetti buchi neri della SS 16. Risale al 2011, da parte dei Comuni interessati, la prima individuazione degli interventi di completamento alla realizzazione della terza corsia dell’Autostrada presentati a Società Autostrade il 5 dicembre di quell’anno in occasione dell’iniziativa Cantieri Aperti”.

“Oggi sembra finalmente passato il tempo in cui c’erano due scuole di pensiero; da una parte chi contestava e raccoglieva firme contro la realizzazione della terza corsia; dall’altra parte Provincia e Comuni che invece si sono impegnati perché non vi fosse solo il pur fondamentale potenziamento fluidificazione dell’Autostrada ma anche la fluidificazione e la messa in sicurezza dell’asse viario strategico della SS16 con la richiesta di maggiori opere di completamento rispetto a quelle inizialmente previste”.

“Le opere riguardano le rotatorie a Rimini tra la SS16 e la strada statale per San Marino e l’altra sempre tra la SS16 e la provinciale per Coriano, entrambe dotate di attraversamenti ciclopedonali, importanti per ricomporre l’attuale frattura tra mare e monte, rappresentata dall’Adriatica. A completare l’intervento a Rimini, ci sono altri attraversamenti e percorsi ciclopedonali che completano l’anello verde della città.

“Non di minore importanza è il nuovo collegamento tra Riccione e Misano che anticipa di fatto la variante alla SS16, con la ciclabile da Misano Monte verso Riccione. Un ulteriore passo a cui però è necessario, per vedere la concreta risoluzione delle criticità, ne seguano tempestivamente altri”.

“Provincia di Rimini e i Comuni interessati ora aspettano che vi sia la formalizzazione degli atti, con la firma della Convezione che regola gli impegni di tutti gli enti coinvolti, Comuni, Anas, Società Autostrade per l’Italia e Ministero che finanzia le opere in questione. Così come si attende la pubblicazione per quanto concerne gli espropri previsti”.

Un passaggio fondamentale è rappresentato dall’appalto dei lavori che chiediamo che avvenga nei tempi più veloci possibili, sperando che si possa arrivare ad un affidamento in house”.

“Ora siamo vicini ad un risultato su cui ci siamo impegnati in tutte le sedi e con un gioco di squadra che ha coinvolto la Regione, la Provincia e tutti i Comuni interessati. Infine un’ultima considerazione: se a Roma non si perderà ulteriore tempo nel chiudere la procedura i cantieri potranno aprire entro l’estate 2019. Più che un auspicio a questo punto va considerato come un impegno inaggirabile”.

Ultimi Articoli

Scroll Up