Home > Eventi Cultura e Spettacoli > Sagra Musicale Malatestiana: un viaggio nella musica napoletana

Sagra Musicale Malatestiana: un viaggio nella musica napoletana

Mercoledì 18 settembre alle ore 21:00 si terrà il quarto appuntamento del ciclo dedicato alle musiche antiche organizzato dalla Sagra Musicale Malatestiana. L’incontro sarà alla  Chiesa del Suffragio di Savignano sul Rubicone ad ingresso gratuito.

Gli spettatori potranno scoprire le meraviglie della musica barocca napoletana attraverso l’appuntamento intitolato “L’arte organo-cembalistica a Napoli tra Sei e Settecento: Alessandro Scarlatti e la sua Scuola”. Suonerà l’organista Francesco Tasini con il suo prezioso strumento fatto costruire nel Settecento.

Il programma proposto da Tasini ruota attorno alla figura di Alessandro Scarlatti, grande operista e ammiratissimo  compositore di innumerevoli cantate da camera, di musica sacra e strumentale. Negli ultimi anni il compositore vissuto tra Sei e Settecento è stato rivalutato anche come vero fondatore dell’importante scuola per tastiera fiorita a Napoli, città considerata come una grande capitale della musica europea.

Il programma del concerto – spiega Francesco Tasini – intende offrire una panoramica, un sintetico profilo delle musiche cembalo-organistiche scaturite dal magistero di Scarlatti, con alcuni esempi dei suoi coetanei, allievi e prosecutori: due ampie e articolate “Toccate” di Scarlatti aprono e chiudono il mio concerto. Figurano inoltre i coetanei Francesco Mancini e Gaetano Greco e ancora, vengono proposti due affascinanti esempi del genere pastorale  scritti da Leonardo Leo e da Domenico Scarlatti.”

Per tutte le informazioni sulla Sagra Musicale Malatestiana consulta la sua pagina Facebook.

You may also like
Sagra Musicale Malatestiana: concerto per percussioni e banda dedicato a Gabriele Bianchi
Il romagnolo Davide Ricci presenta a Misano il suo nuovo album “Quasi Invisibile”
Sagra Musicale Malatestiana, l’Ensemble Barocco Zefiro suona Bach al Galli
Sagra Musicale Malatestiana: appuntamento con Jordi Savall e le Concert de Nations
Scroll Up