Home > Eventi Cultura e Spettacoli > San Leo Festival: venerdì “Cabiria”. La musica nel grande cinema italiano

San Leo Festival: venerdì “Cabiria”. La musica nel grande cinema italiano

Protagonista del penultimo concerto del San Leo Festival, venerdì 23 luglio, alle 21.30, è un Quintetto d’eccezione, composto da grandi nomi conosciuti anche a livello internazionale, che si è dato il nome di Cabiria in omaggio a Federico Fellini, il grande regista, romagnolo, come la maggior parte dei musicisti coinvolti nello spettacolo. L’Ensemble, che si esibirà in Piazza Dante, farà risuonare San Leo della musica del grande cinema italiano. Il concerto sarà un omaggio ai due più grandi compositori della musica da film a livello internazionale, come Ennio Morricone e Nino Rota. Premiati con prestigiosi riconoscimenti, con le loro opere hanno contribuito a rendere il grande cinema italiano famoso in tutto il mondo. 

La prima parte del concerto sarà dedicata a Ennio Morricone, cittadino onorario di San Leo, di cui saranno eseguite le indimenticabili colonne sonore che scrisse per registi del calibro di Sergio Leone, Giuseppe Tornatore e Roland Joffé per pellicole come Giù la testa, Il buono, il brutto, il cattivo, Nuovo Cinema Paradiso e The Mission. 

Nella seconda parte saranno, invece, eseguiti i capolavori che Nino Rota ha composto per i film di Federico Fellini come Amarcord, Otto e Mezzo, Le notti di Cabiria, La Strada e La Dolce Vita. 

Tra i nomi principali del Quintetto Cabiria il pianista, compositore e arrangiatore Stefano Nanni, un artista conosciuto a livello internazionale nel mondo dello spettacolo che abbiamo più volte visto dirigere l’orchestra di Sanremo durante il Festival della Canzone Italiana. Nanni lavora con artisti del calibro di Paolo Fresu, Fabrizio Bosso, Mario Brunello, l’attore Marco Paolini ma anche con Mogol i Negramaro, Caterina Caselli e Vinicio Capossela di cui ha curato tutte le musiche dei suoi ultimi dischi. Tra i vari spettacoli che lo hanno visto protagonista ci sono le tutte le edizioni del Pavarotti & Friends, di cui ha curato la musica. 

Per questo spettacolo ha rivisitato le musiche di Rota e Morricone cucendole su misura per questo ensemble valorizzando le potenzialità̀ di ogni strumento e musicista e strizzando l’occhio a vari stili, tra cui lo swing, il blues, ma anche il latin ed il calypso fino al jazz ed al rock. Accanto a lui altri musicisti di altissimo livello presenti nei principali festival e teatri internazionali come Luciano Zadro alla chitarra, Roberto Bartoli al contrabbasso, Matteo Salerno al flauto e Gianluca Nanni alla batteria. 

 

Stefano Nanni

Stefano Nanni è pianista, compositore, arrangiatore e direttore d’orchestra diplomato in pianoforte, direzione di coro e musica polifonica rinascimentale, in arrangiamento e orchestrazione jazz e in composizione. Ha in attivo diversi progetti con alcuni fra i più quotati musicisti del panorama jazzistico italiano come Paolo Fresu, Massimo Moriconi, Gabriele Mirabassi, Fabrizio Bosso, Renato Sellani. La sua grande ecletticità lo porta a collaborare con vari artisti anche nell’ambito della musica pop. Tra questi i Negramaro, per i quali ha curato gli arrangiamenti degli ultimi quattro dischi; collabora inoltre con Amii Steward, Laura Pausini, Emma, Biagio Antonacci, Raphael Gualazzi, Motta (col quale vince il premio tengo 2018 come miglior disco in qualità di arrangiatore).

Importante la collaborazione con Vinicio Capossela con cui prende parte a varie tournée con diverse orchestre sinfoniche tra cui l’orchestra Sinfonica Toscanini, l’Orchestra del Teatro Massimo di Palermo e l’orchestra Magna Grecia. Ha arrangiato e orchestrato il disco del 2011 “Marinai, Profeti e Balene” con cui ha ottenuto il disco di platino al Premio Tenco del 2011, ha curato inoltre gli arrangiamenti per il disco “Ovunque Proteggi” e per lo spettacolo “Requiem per gli animali fantastici e altre fantasticherie” 

Come direttore d’orchestra e arrangiatore è presente al 68° e 70° Festival di Sanremo (2018 e 2020) per vari artisti. 

Dal 2001 stringe un felice sodalizio artistico (che dura tutt’ora) con il grande musicista produttore e arrangiatore Michele Centonze collaborando alla composizione e realizzazione della musica per le cerimonie di apertura e chiusura delle Olimpiadi invernali di Torino 2006 e col M° Luciano Pavarotti nell’ambito del “Pavarotti & Friends” e nelle varie produzioni di musica Pop ad esso legate e nel disco ” Ti Adoro” (Decca). 

In questi ultimi anni lavora in spettacoli, progetti teatrali e tournée con artisti come Marco Paolini, Stefano Benni, Mario Brunello, Mogol e il Teatro delle Albe. 

Collabora in diversi progetti con i musicisti del Teatro “Alla Scala” di Milano tra cui la prima viola Danilo Rossi ed il primo clarinetto Fabrizio Meloni. E’ pianista e arrangiatore del quintetto che accompagna Bobby McFerrin nella sua tournèe Italiana con “I solisti della Scala di Milano”. Collabora con nomi importanti del repertorio classico tra cui Mario Brunello, Danilo Rossi, Andrea Giuffredi, Gianluca Littera, Andrea Griminelli, Federico Mondelci. 

Con il grande chitarrista Tom Sinatra effettua vari concerti in Russia in alcuni fra i maggiori teatri. Dal 2013 inizia una felice e importante collaborazione con il grande produttore musicale Italo-Giapponese Taketo Gohara realizzando molti arrangiamenti e orchestrazioni in importanti festival. 

Ha preso parte a produzioni discografiche nazionali ed internazionali per Egea, Sugar, Warner e Universal e le sue musiche sono pubblicate da Edizioni Sonzogno, MAP e Urtext editions. 

 

Gianluca Nanni

Batterista e percussionista, inizia giovanissimo lo studio della batteria e partecipa a stage musicali tenuti da diversi musicisti americani tra i quali Mr. Steve Ellington, Bruce Forman, Gary Bartz, George Cables, Jimmy Owens, Elvin Jones, Paul Wertico, Horacio “El Negro” Hernandez, Michael Quinn, Skip Hadden, Trilok Gurtu. 

Ha effettuato concerti in Italia e in Europa, esibendosi in importanti festival, club e teatri, con musicisti nazionali ed Internazionali: Bruce Forman, Sherman Irby, Dick Halligan, Keil Gregory, Giovanni Sanjust, Jimmy Villotti, Gabriele Mirabassi, Paolo Fresu, Gianni Coscia, Andrea Dulbecco, Maurizio Gianmarco, Massimo Moriconi, Fabrizio Bosso, Luca Velotti… 

Intraprende varie esperienze musicali con formazioni di musica leggera: Fabio Concato, Lucio Dalla, Aleandro Baldi, Vinicio Capossela, Mietta, Amii Stewart… Dal 2014 è impegnato nella Tournèe Europea di Raphael Gualazzi. 

Collabora come batterista con varie orchestre sinfoniche fra le quali: orchestra B. Maderna, Piccola orchestra Italiana, Movies picture orchestra, Orchestra Mare Nostrum (Portogallo) e con grandi solisti classici come Danilo Rossi, Mario Brunello, Federico Mondelci, Massimo Mazzoni, Fabrizio Meloni, Andrea Griminelli ecc… 

Oltre ai concerti dal vivo, si dedica in particolare al lavoro discografico con circa 200 Cd all’attivo fra musica leggera, dance, latino, jazz. 

Continua l’attività come batterista esibendosi in Jazz club, Teatri, e festival in vari paesi: Italia, Brasile, Argentina, Francia, Svizzera, Germania, Russia, Spagna, Portogallo, Giappone ecc..

 

Roberto Bartoli

Contrabbassista, compositore. Ha partecipato a festival internazionali in Italia, Francia, Svizzera, Austria, Germania, Belgio, Spagna, Portogallo, Slovenia, Croazia, Russia, Bulgaria, Libano, Tunisia, Etiopia.
Ha collaborato a numerose registrazioni  per diverse etichette discografiche, tra cui YVP Music, Splash’ Records, Philology, Stella Nera, El Gallo Rojo, Dodici Lune, Limen Music…
Molte sue composizioni sono state trasmesse nelle programmazioni di RAI-Radio3, come pure una sua partecipazione ai Concerti del Quirinale a Roma.

Nel marzo 2013 si è esibito al Teatro alla Scala di Milano, presentando tra l’altro alcune sue composizioni dedicate a Béla Bartók.

Ha tenuto una lezione sull’improvvisazione al Conservatorio di musica di Addis Abeba.
È docente di contrabbasso e didattica d’insieme presso la Nuova Scuola Comunale di Musica di Imola, dove dirige anche l’orchestra degli allievi.

 

Matteo Salerno

Diplomato con il massimo dei voti frequenta poi il corso triennale di perfezionamento presso l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia a Roma con Angelo Persichilli. Ha frequentato nello stesso periodo i corsi di perfezionamento presso l’Accademia Incontri col Maestro di Imola seguito da Glauco Cambursano, Massimo Mercelli, Maurizio Valentini e Angelo Persichilli partecipando alle master classes di flautisti di fama internazionale tra cui, A.  Nicolet, M. Larrieux, A. Adorjan, A. Marion, J. Balint, D. Formisano e J.C. Gerard. Ha preso parte a un master class presso il Conservatorio di Padova con Sir James Galway e ha seguito i corsi di perfezionamento Estate Musicale a Portogruaro e Gubbio Festival con Patrick Gallois. 

Vince diversi concorsi per flauto e musica da camera tra cui nel 1995 quello bandito dalla Filarmonica della Scala, presieduto da Riccardo Muti, in cui gli è stata assegnata una borsa di studio rivolta ai migliori diplomati italiani. 

Gran parte della sua attività la dedica alla musica da camera con diverse formazioni ed ensemble con cui si esibisce da oltre vent’anni anni per conto delle principali istituzioni concertistiche italiane. Tra queste ricordiamo: il Lingotto di Torino, il Teatro Pavarotti di Modena, il Teatro Coccia di Novara, Ravenna Festival, l’Associazione Angelo Mariani di Ravenna, l’Università Sant’Anna di Pisa, gli Amici della Musica di Perugia, Associazione Musicale Romana, la Fondazione I Teatri di Reggio Emilia, gli Amici della Musica di Milano, la Sagra Musicale Umbra, l’Accademia Filarmonica di Bologna presso la Sala Mozart, gli Amici della Musica di Foligno, il Teatro Bibbiena di Mantova, l’Associazione Lipizer di Gorizia, la Cittadella della Musica di Civitavecchia, l’Emilia Romagna Festival, il Festival Internazionale Nei Suoni dei Luoghi, la Fondazione Giuditta Pasta di Saronno, l’As.Li.Co. nell’ambito del Festival Como Città della Musica, la Famiglia Artistica Reggiana presso il Teatro Valli di Reggio Emilia, il Gubbio Music Festival, il Festival Pergolesi Spontini ecc. 

All’estero si è esibito in formazioni cameristiche in Inghilterra, Germania, Francia, Spagna, Canada, Svizzera, Cuba, Albania, Malta, Kosovo. 

Ha collaborato con l’Orchestra Luigi Cherubini sotto la guida di diversi direttori tra cui P. Fournellier, B. Pounidefert, K. Durgarjan e prendendo parte alle produzioni con Riccardo Muti presso il Teatro S.Carlo di Napoli, a Malta e a Piacenza; è stato inoltre membro dell’orchestra giovanile di Santa Cecilia a Roma, dell’Orchestra Internazionale d’Itali ecc.. 

In qualità di solista ha eseguito alcuni dei principali brani per flauto e orchestra tra cui il Concerto in mi minore di Mercadante, il Concerto in sol maggiore KV 313 e il Concerto per flauto e arpa di Mozart, il concerto per due flauti di Vivaldi assieme al M°Andrea Griminelli e tutti i concerti dell’Op.10 sempre di Vivaldi, il Concerto per due flauti e orchestra di Cimarosa assieme al M°Angelo Persichilli, la Suite in si minore ed il concerto Brandeburghese n.5 di J.S.Bach assieme al M°Paolo Chiavacci, la fantasia sulla Carmen di F.Borne oltre ad altri brani virtuosistici di Genin. E’ stato accompagnato dai I Solisti di Salisburgo,I Solisti della Scala, l’Orchestra “Città di Ravenna”, l’Orchestra Ensemble Mariani, l’Orchestra Filarmonica Europea. 

Ha effettuato registrazioni per programmi radiofonici e televisivitra cui il concerto per flauto e pianoforte trasmesso da Rai Radio3 Suite intervistato da Michele dall’Ongaro; nel 1998 partecipa accanto all’attore Ugo Pagliai al concerto per RAI 1 trasmesso in mondovisione dalla Sala Nervi in Vaticano in occasione del ventesimo anniversario di pontificato di Giovanni Paolo II straordinariamente presente in sala. 

Luciano Zadro

Nel 1986 perfeziona la sua formazione conseguendo il diploma di “Jazz Master” con il maestro Filippo Daccò presso il Centro Didattico Musicale di Milano. Successivamente, negli anni tra il 1987 e il 1994, dedica un particolare approfondimento ai generi Jazz, Rock, Funky, Latin, Fusion e Blues attraverso corsi accademici con i più qualificati musicisti di fama internazionale: Mike Stern, Joe Diorio, Mick Goodrick, John Scofield, Pat Martino, Pat Metheny, Jim Hall, Robben Ford, Frank Gambale, Wolfang Muthspiel, Scott Henderson. 

I primi anni ‘80 segnano le sue prime significative esperienze professionali all’interno di orchestre del mondo della televisione tra cui partecipando ad importanti trasmissioni televisive tra cui Argento e Oro (RAI 2), Buona Domenica (Canale 5), Domenica in (RAI 1), Festivalbar (Canale 5), Improvvisando (RAI 1), Mare contro Mare (Rai 2), Saint-Vincent Estate (RAI 1). 

Dagli esordi ad oggi la sua esperienza professionale si costella di collaborazioni con importanti musicisti del panorama jazz, italiano e americano, che lo portano ad esibirsi nei principali jazz club italiani ed esteri (Inghilterra, Spagna, Portogallo). Affianca nomi illustri come Tullio De Piscopo, Massimo Moriconi, Stefano Bagnoli, Laura Fedele, Tony Arco, Ellade Bandini, Maxx Furian, Danilo Rea, Fabio Concato, Dori Ghezzi, Amii Stewart, Nek, Danilo Rossi. 

Dal 1984 al 2005 svolge attività di turnista con vari artisti italiani del mondo jazz nei principali jazz club dell’Italia settentrionale, partecipando anche a “Umbria Jazz 2000” con Alex Acuna. Con lui ed Eric Marienthal aveva già realizzato il CD “Beyond the desert” (1998). 

E’ stato ospite di diverse registrazioni discografiche con artisti quali Gianni Coscia, Flavio Boltro e Massimo Moriconi con cui ha realizzato il CD “D’improvviso” al fianco di artisti come Mina, Phil Wood, Erik Marienthal, Danilo Rea, Ellade Bandini (2001). 

Nel 2003 viene incaricato della docenza presso il Conservatorio di Lugano (Svizzera), è stato poi docente del corso di chitarra jazz presso il Conservatorio Bellini di Catania ed attualmente del corso di chitarra jazz ad indirizzo popular presso il Conservatorio Donizetti di Bergamo. 

Nell’ambito della musica Pop ha collaborato con Dori Ghezzi, Nek, Fabio Concato, Amii Stewart. 

La sua figura nel mondo della musica viene anche riconosciuta dal suo ruolo di testimonial per Ibanez, uno dei più importanti produttori di chitarre (collaborazione attiva dal 2008, modello GB200 e AS200), e dal marchio D’Addario tramite il gruppo internazionale Bode a partire dal 2016.

Ultimi Articoli

Scroll Up