Home > Ultima ora politica > San Leo, il Pd al sindaco: “Prima o poi vai a sbattere”

San Leo, il Pd al sindaco: “Prima o poi vai a sbattere”

Al Comune di San Leo, dopo un anno di amministrazione dobbiamo, nostro malgrado, prendere atto di un atteggiamento perpetrato dal Sindaco con sistematicità nei confronti dell’assessore Francesca Mascella teso ad emarginarla dall’attività dell’ente. Un vero e proprio mobbing, prima cercando di escluderla dalla Giunta per poi tentare di assegnarle delle deleghe che non avessero valenza esterna; proseguendo facendo in modo che avesse difficoltà a partecipare alle sedute della Giunta che venivano convocate quasi sempre d’urgenza senza stabilire un giorno fisso della settimana come è in uso in tutti i Comuni rendendo sempre difficile far coincidere lavoro e impegno amministrativo.

Nel merito poi dell’attività amministrativa che il Comune è chiamato ad affrontare, veniva tenuta sistematicamente all’oscuro delle azioni che venivano portate avanti, anche in ambiti di sua competenza assessorile, costringendola ad acquisire informazioni dagli uffici se non addirittura venirne a conoscenza da soggetti esterni all’ente e, nonostante questo, Francesca ha continuato con caparbietà, tenacia e competenza a portare avanti il proprio impegno amministrativo nell’interesse esclusivo della cittadinanza e sempre in coerenza con il programma elettorale condiviso.

Dopo tutto ciò il Sindaco, nell’ultimo consiglio comunale  ha pensato bene di revocarle la delega di assessore prendendo a pretesto, a suo dire, il venire a meno del rapporto fiduciario che aveva nei suoi confronti in quanto aveva votato contro all’uscita del Comune di San Leo dall’Unione dei Comuni della Val Marecchia, atto peraltro gravissimo che avrà conseguenze negative per la comunità di San Leo e per i cittadini dell’intera valle. Al riguardo ci permettiamo di ricordargli che se l’Unione non funziona la responsabilità è dei sindaci della valle, lui compreso e sfuggire alle proprie responsabilità tirandosi fuori, come ha fatto lui, è poco dignitoso oltreché da irresponsabili.

In realtà è stato portato a compimento un obiettivo non dichiarato ma perseguito in silenzio e con tenacia in tutti questi mesi tradendo quello spirito e volontà di collaborazione e partecipazione che stava alla base di quella lista civica eletta appena un anno fa al governo del Comune di San Leo. Basti pensare che da allora , nonostante le sollecitazioni, non c’è stata possibilità di confronto con il Sindaco, che continua in perfetta solitudine, ostentando grande sicurezza, a navigare a vista ma, a nostro modo di vedere, così facendo sappia che prima o poi andrà a sbattere.

Per quanto ci riguarda nell’esprimere solidarietà e vicinanza a Francesca e nel chiederle di continuare ad impegnarsi dai banchi del Consiglio comunale, ribadiamo la nostra volontà a perseguire quegli obiettivi programmatici che sono alla base di questo mandato amministrativo e le cui basi, progettuali e finanziarie erano già state acquisite dalla precedente amministrazione.

Scroll Up