Home > Ultima ora politica > San Marino. Crisi di governo. Elezioni anticipate entro l’anno

San Marino. Crisi di governo. Elezioni anticipate entro l’anno

Nella notte, di giovedì 19 settembre,  il gruppo Consiliare di Civico10 ha consegnato, nelle mani della Reggenza, le proprie dimissioni che si vanno ad aggiungere a quelle della minoranza già consegnate nei giorni scorsi. Complessivamente le dimissioni superano il numero di 30 decretando la fine della legislatura.

Civico 10 le aveva annunciate poche ore prima, insieme a SSD, in Ufficio di Presidenza. A breve dovrà essere convocato un Consiglio Straordinario per affrontare eventuali Istanze d’arengo rimaste inevase e approvare la terza variazione di bilancio. Il Segretario alle Finanze si è infatti appellato alla Reggenza per completare l’iter legislativo dopo la bocciatura della procedura d’urgenza. La legislatura – ribadiscono Marica Montemaggi di Civico 10 e Giuseppe Morganti di SSD – è finita. Perché lo sia formalmente – spiegano – servono verifiche tecniche. Dovrebbe essere questione di poco, anche perché l’ordine del giorno prevede elezioni entro l’anno e l’opposizione è stata chiara: condividerà i prossimi passaggi solo a Consiglio sciolto.

Civico 10 era in coalizione dalle politiche del 2016 con Repubblica Futura e Sinistra Socialista Democratica, con le quali ha dato vita ad Adesso.sm, l’attuale compagine governativa del Titano andata in crisi.

Non è da escludere che Civico 10 guardi ad una nuova alleanza con partner attualmente all’opposizione come il Pdcs (il Partito Democratico Cristiano Sammarinese) e Rete, un movimento spesso assimilato al Movimento 5 Stelle.

Le elezioni sono previste tra fine novembre e prima settimana di dicembre

Scroll Up