Home > Ultima ora Attualità > San Marino, ISS: campagna vaccinale. Raggiunto l’obiettivo delle 25mila immunizzazioni

San Marino, ISS: campagna vaccinale. Raggiunto l’obiettivo delle 25mila immunizzazioni

La Segreteria di Stato per la Sanità e Sicurezza Sociale e l’Istituto per la Sicurezza Sociale esprimono soddisfazione per l’ottimo risultato della campagna vaccinale antiCovid che ha raggiunto l’ambizioso obiettivo delle 25mila persone che hanno completato il percorso di immunizzazione primaria contro il virus SARS-CoV-2.

È stato quindi raggiunto l’obiettivo fissato dal Piano Vaccinale, ma soprattutto la popolazione sammarinese ha dimostrato ancora una volta di saper affrontare le sfide nel modo migliore contribuendo alla salute personale e collettiva della nostra comunità.

La Segreteria di Stato per la Sanità e il Comitato Esecutivo ISS, anche a nome di tutto il personale sanitario, socio-sanitario e amministrativo, ringraziano tutte le cittadine e tutti i cittadini che hanno aderito alla campagna vaccinale, gli operatori sanitari e i volontari della Protezione Civile. Se il nostro Paese è rimasto aperto e coeso in questi mesi di pandemia è proprio grazie allo sforzo di tutti coloro che hanno contribuito a raggiungere questo risultato.

Ovviamente non si può ancora abbassare la guardia, il virus circola ancora e l’ISS sta già iniziando le somministrazioni della dose di richiamo. Fondamentale è, quindi, proseguire con la campagna vaccinale, andando a proteggere in primo luogo le persone più fragili e gli operatori sanitari.

La Commissione vaccini dell’Istituto per la Sicurezza Sociale – alla luce delle evidenze scientifiche e delle autorizzazioni già rilasciate da FDA, EMA e AIFA – come hanno già fatto le autorità di diversi Paesi, Italia compresa, nella seduta di martedì 19 ottobre ha autorizzato la somministrazione della dose aggiuntiva di vaccini per le persone fragili. La dose aggiuntiva, chiamata anche “booster”, è necessaria per garantire una migliore e più efficace produzione di anticorpi contro il virus SARS-CoV-2 ed è stata autorizzata al momento per le persone di età compresa o superiore agli 85 anni, per gli ospiti della RSA alla Fiorina, per i pazienti fragili indicati dai medici specialisti e per il personale sanitario.

Attualmente la dose aggiuntiva sarà somministrata solo a coloro che hanno completato l’immunizzazione con il vaccino Comirnaty (Pfizer/BioNTech). Per tale vaccinazione aggiuntiva, sarà utilizzato sempre il vaccino a mRNA e dovranno essere trascorsi almeno 6 mesi dall’ultima somministrazione del vaccino antiCovid.

Non posso che ringraziare tutto il personale sanitario e socio-sanitario, in special modo il personale ospedaliero che grazie alla sua disponibilità e professionalità ha consentito di superare in svariate occasioni la soglia delle 1000 somministrazioni giornaliere, oltre che i cittadini della Repubblica di San Marino, per il raggiungimento di questo importante traguardo. La nostra Repubblica – dichiara Roberto Ciavatta, segretario di Stato per la Sanità e Sicurezza Sociale – può fregiarsi davanti al mondo intero di aver raggiunto, tra i primi Paesi al mondo, l’immunità di comunità. Non posso però esimermi dal ricordare che la lotta al Covid-19 non è finita: dopo un importante traguardo raggiunto, si apre ora la necessità di rafforzare le nostre difese per impedire un ritorno del virus che si sta riaffacciando e in tal modo evitare nuove misure restrittive, non solo per le nostre attività economiche, ma soprattutto per il benessere delle nostre vite. Esorto quindi i cittadini ad informarsi quanto più possibile su fonti ufficiali e di stampo scientifico su quelle che saranno le misure d’adottare per la salvaguardia della salute di tutti”.  

Ultimi Articoli

Scroll Up