Home > Ultima ora Attualità > San Marino: sarà il 26 settembre il Referendum sull’aborto

San Marino: sarà il 26 settembre il Referendum sull’aborto

Il Decreto Reggenziale pubblicato nella giornata di oggi fissa per il 26 settembre 2021 la data del Referendum sulla depenalizzazione dell’Interruzione Volontaria di Gravidanza. 

Per UDS ed il Comitato Promotore sarà – scrive in una nota l’Unione Donne Sammarinesi – un appuntamento con la storia dei diritti delle donne a San Marino e faremo del nostro meglio per condurre una campagna che tenga alto il livello del confronto su un argomento così importante. 

Rimanendo in tema, non possiamo esimerci dal commentare il dibattito che si è tenuto oggi in Consiglio sul progetto di legge “Tutela della salute sessuale e riproduttiva della popolazione sammarinese” presentato dal Movimento Civico RETE e che recepisce in toto il quesito referendario ed altri argomenti – come la prevenzione delle gravidanze indesiderate – presentati nel pdl di iniziativa popolare di UDS del 2019. 

Abbiamo già avuto modo di esprimere la nostra perplessità – prosegue la nota UDS – sulla modalità scelta da RETE di presentare un progetto non condiviso con la società civile o con le altre forze politiche e sulla tempistica di presentazione nel mese di giugno quando, da gennaio, è in corso l’iter referendario. 

Sui contenuti esprimiamo, invece, la nostra piena condivisione e rinnoviamo la disponibilità a collaborare con tutte le forze politiche al fine di confermare, migliorare o ampliare il testo. 

Crediamo che RETE avrebbe fatto meglio ad aspettare il responso del Referendum per poi condividere il proprio testo ad un tavolo allargato finalizzato a recepire il quesito referendario – in caso di voto positivo – oltre ai vari progetti di legge di iniziativa popolare chiusi nel cassetto da troppi anni.

Fatto sta che la parola passa ora ai cittadini. Fatto sta che questa politica – conclude la nota delUnione Donne Sammarinesi –  e quella del passato non ha nuovamente voluto decidere, con o senza pdl last minute di RETE. Fatto sta che la faida politica rischiava di essere nuovamente giocata sul corpo delle donne”.

Ultimi Articoli

Scroll Up