Home > Cronaca > San Patrignano, Conte e Boccia inaugurano il Sustainable Economy Forum (FOTO)

San Patrignano, Conte e Boccia inaugurano il Sustainable Economy Forum (FOTO)

Si è aperta a San Patrignano la seconda edizione del Sustinaible Economy Forum, la kermesse sui temi chiave dell’economia sostenibile promossa dalla comunità romagnola. La manifestazione è stata inaugurata dagli interventi del sindaco di Rimini Andrea Gnassi, dalla cofondatrice Letizia Moratti, dal presidente Pietro Prenna, dal Premier Giuseppe Conte e dal Presidente di Confindustria Vincenzo Boccia. 

Una mattinata iniziata nel ricordo dello sciopero del clima che ha coinvolto cittadini di tutto il pianeta lo scorso nove marzo che è poi proseguita con gli interventi di autorità e istituzioni.

Il sindaco di Rimini Andrea Gnassi ha ricordato i recenti interventi avviati per la riqualificazione del sistema fognario dopo aver fatto un lungo prologo soffermandosi su temi di ampio respiro. “Viviamo una rivoluzione industriale in cui gli algoritmi trasformano le persone in clienti ed elettori – ha detto il sindaco di Rimini – Un mondo costruito su algoritmi non aiuta a creare connessioni tra individui. Puntare su un’ economia sostenibile significa investire su un’idea di sviluppo economico“. Rapido l’intervento di Vincenzo Boccia, il presidente nazionale di confindustria.”Siamo qui per promuovere l’idea di costituire un fondo italiano per lo sviluppo delle imprese italiane e africane in Africa – ha spiegato – e siamo favorevoli a un’economia che mette al centro le persone. Un esempio? Vogliamo incentivare le aziende a investire nella formazione dei giovani immigrati sul territorio italiano“.  Un’idea, quella del fondo italiano per l’Africa, rilanciata anche da Letizia Moratti e tradotta in una richiesta esplicita formulata al governo e al suo rappresentante, il premier Conte. Che però ha dribblato il tutto concentrando il suo intervento su altri temi. 

Il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia

La crescita economica non deve essere solo quantitativa. Cifre e numeri rischiano di allontanare le persone dal centro della scena – ha spiegato Conte – Bisogna diminuire il divario tra ricchi e poveri, favorire la buona e piena occupazione. Fare in modo che i giovani non emigrino all’estero. Piuttosto spingerli a viaggiare, questo si, per esplorare il mondo“. Il premier ha poi spiegato che nelle previsioni del governo,il reddito procapite aumenterà di 1.600 euro entro il 2021“.

Il premier ha inoltre difeso l’operato del governo: “Ispirato ai concetti di fedeltà – quella del cittadino nelle istituzioni, identità – intesa come attaccamento alla nazione senza però escludere nessuno -, sostenibilità – intesa come impegno a ridurre le emissioni di Co2, per esempio“.

A margine degli interventi iniziali, a San Patrignano è stato inoltre sottoscritto dal Presidente di Confindustria Vincenzo Boccia, Antonella Baldino, Cbo di Cassa Depositi e prestiti, Letizia Moratti e Frank Cinque di E4Impact  un memorandum di intenti per lo sviluppo finanziario dell’Africa, che negli auspici dei firmatari dovrebbe trasformarsi in una serie iniziative di comune interesse, anche attraverso l’individuazione di idonei strumenti finanziari, a supporto delle imprese italiane e africane, quali attori fondamentali nell’ambito dei processi di crescita sostenibile e inclusiva.

Sempre nei momenti successivi all’inaugurazione della kermesse il sindaco di Rimini Andrea Gnassi ha consegnato nelle mani del premier una copia del libro dei sogni di Federico Fellini chiedendo l’introduzione di una legge speciale di Stato sul centenario della nascita del grande regista riminese.

Gnassi, Moratti, Conte, Santi e Spinelli al termine degli interventi inaugurali.

Scroll Up