Home > Ultima ora politica > Santarcangelo, dal Pnrr altri 270mila euro per la transizione digitale

Santarcangelo, dal Pnrr altri 270mila euro per la transizione digitale

Dopo i 14mila euro assegnati nell’agosto scorso, il Comune di Santarcangelo riceve un nuovo, consistente finanziamento per la transizione al digitale: ammontano infatti a oltre 270mila euro i fondi attribuiti con due distinti bandi del Piano nazionale di ripresa e resilienza all’Amministrazione comunale.

In particolare, il Comune ha ottenuto il contributo principale di circa 252mila euro nell’ambito del bando Pnrr per l’abilitazione al cloud delle pubbliche amministrazioni locali. L’introduzione del cloud consentirà di migliorare la qualità, la produttività, le modalità di archiviazione e la sicurezza informatica – fondamentale per un ente come il Comune, che gestisce grandi quantità di dati sensibili – a un costo molto inferiore rispetto ad altre soluzioni tecnologiche, semplificando la gestione dei sistemi informativi, aumentando l’affidabilità delle infrastrutture informatiche e facilitando il rinnovamento complessivo dei servizi digitali.

Nel dettaglio, il finanziamento consentirà la migrazione in ambienti cloud certificati dei servizi demografici, di anagrafe, per l’accesso agli atti, l’accesso civico e la trasparenza, il protocollo, l’albo pretorio e le ordinanze, le pratiche dello Sportello unico per l’edilizia e quelle relative alla pianificazione, la contabilità, il servizio Ragioneria e la gestione economica generale, l’economato, la gestione del patrimonio e dei contratti, nonché documenti e servizi relativi agli organi istituzionali.

Accanto a questo contributo, sempre in materia di digitalizzazione, l’Amministrazione comunale ha ricevuto nell’ambito del Pnrr anche un finanziamento di 18.200 euro per aver implementato la fruizione dei servizi comunali attraverso l’utilizzo dell’app IO, applicazione unica per interagire in modo semplice e sicuro con i servizi pubblici locali e nazionali direttamente dallo smartphone. Sono 25, in questo caso, i servizi comunali interessati, dalle pratiche edilizie all’elettorale, dall’occupazione di suolo pubblico alle richieste di permessi per invalidi, dai servizi scolastici allo sport, dall’anagrafe allo stato civile, dalla tassa rifiuti al canone sulla pubblicità fino all’Imu, dalle richieste d’ingresso in ztl alla presentazione di atti per il Consiglio comunale.

“Siamo al terzo contributo nell’arco di pochi mesi sulla transizione al digitale, per un totale che sfiora i 300mila euro” afferma la sindaca Alice Parma. “Si tratta di un aspetto, come ribadito in più circostanze, al quale l’Amministrazione è molto attenta, tanto che la digitalizzazione dei servizi offerti al cittadino è tra le priorità strategiche del nostro operato. Il percorso, in ogni caso, è ancora in divenire: accanto ai finanziamenti già ottenuti, infatti, siamo in attesa dell’esito di ulteriori domande presentate all’interno del Pnrr per la digitalizzazione, in particolare con l’obiettivo di aggiungere ulteriori funzionalità al sito del Comune e aderire alla piattaforma nazionale per le notifiche digitali”.

 

Ultimi Articoli

Scroll Up